La vita dovrebbe essere vissuta al contrario.Tanto per cominciare si dovrebbe iniziare morendo, e così tricchete tracchete il trauma è bello che superato.Quindi ti svegli in un letto di ospedale e apprezzi il fatto che vai migliorando giorno dopo giorno.Poi ti dimettono perché stai bene e la prima cosa che fai è andare in posta a ritirare la tua pensione e te la godi al meglio.Col passare del tempo le tue forze aumentano, il tuo fisico migliora, le rughe scompaiono.Poi inizi a lavorare e il primo giorno ti regalano un orologio d’oro.Lavori quarant’anni finchè non sei così giovane da sfruttare adeguatamente il ritiro dalla vita lavorativa.Quindi vai di festino in festino, bevi, giochi, fai sesso e ti prepari per iniziare a studiare.Poi inizi la scuola, giochi con gli amici, senza alcun tipo di obblighi e responsabilità, finchè non sei bebè.Quando sei sufficientemente piccolo, ti infili in un posto che ormai dovresti conoscere molto bene.Gli ultimi nove mesi te li passi flottando tranquillo e sereno, in un posto riscaldato con room service e tanto affetto, senza che nessuno ti rompa i coglioni.E alla fine abbandoni questo mondo in un orgasmo.
-Woody Allen-

QUOD ME NUTRIT ME DESTRUIT

mercoledì 31 ottobre 2007

Fiorentina-Napoli 1-0


BOBOOOOOOOOOOOOOOO!!!

Il mago di Oz


La protagonista, Dorothy, è una bambina che vive in Kansas con gli zii e il cane Toto. Un giorno, un ciclone solleva la casa di Dorothy, con la bambina e il cane all'interno, e la trasporta in volo, depositandola nella terra dei Munchkin. Nell'atterraggio, la casa schiaccia la Strega Cattiva dell'Est.
La Strega Buona del Nord viene a complimentarsi con Dorothy per l'accaduto, e le dona le Scarpette d'Argento della defunta Strega Cattiva. Dorothy esprime il desiderio di tornare in Kansas, e la Strega le consiglia di recarsi dal Mago di Oz per chiedere consiglio. Per trovare il Mago, sarà sufficiente che Dorothy segua la strada di mattoni gialli fino alla Città di Smeraldo. La strega bacia Dorothy sulla fronte, affermando che nessuno oserà far del male a chi sia stato baciato da lei. Lungo la via, a Dorothy e Toto si uniscono tre compagni di viaggio: lo Spaventapasseri (che decide di chiedere un cervello al Mago di Oz), il Boscaiolo di Latta (che decide di chiedergli un cuore) e il Leone Codardo (che decide di chiedergli il coraggio).
Giunti alla Città di Smeraldo, Dorothy e i suoi compagni devono indossare speciali occhiali, "per non essere accecati"; attraverso le lenti, tutto appare verde. Il Mago li riceve uno alla volta, e ad ognuno appare in diverse sembianze (a Dorothy come una grande testa; allo Spaventapasseri come una bella donna; al Boscaiolo come una fiera; al Leone come una palla di fuoco). Il Mago promette di aiutarli dopo che avranno ucciso la Strega Cattiva dell'Ovest, che regna sulla terra dei Winkie.
Mentre i cinque sono in viaggio alla ricerca della Strega, devono affrontare numerosi avversari: lupi, corvi, api, e l'esercito dei Winkie. Infine, la Strega usa il potere del Cappello Dorato per inviare contro i viandanti le Scimmie Alate. Queste fanno a pezzi il Boscaiolo e lo Spaventapasseri, ma non osano far del male a Dorothy, riconoscendo il segno del bacio della Strega Buona del Nord, e si limitano a portarla insieme a Toto al castello della Strega Cattiva.
Dorothy viene costretta a lavorare come serva per la Strega. Il Leone viene tenuto a digiuno affinché acconsenta a trainare la carrozza della Strega, ma rifiuta (perché qualcuno gli porta segretamente del cibo ogni notte). Quando la Strega Cattiva ruba a Dorothy una delle Scarpe d'Argento, la bambina, infuriata, lancia addosso alla strega un secchio d'acqua, che inaspettatamente provoca la morte della Strega per "scioglimento". I Winkies, felici di essersi liberati della tiranna, aiutano Dorothy a ricostruire lo Spaventapasseri e il Boscaiolo. Al Boscaiolo viene offerto di diventare re dei Winkies; egli accetta, ma decide di aiutare comunque prima Dorothy a tornare nel Kansas.
Usando il Cappello d'Oro sottratto alla Strega, Dorothy invoca le Scimmie Alate, che portano lei e i suoi compagni alla Città di Smeraldo. Il Mago di Oz inizialmente rifiuta di incontrarli, ma viene costretto dalla minaccia di un attacco delle Scimmie Alate. Qui, Dorothy e i suoi scoprono che il Mago non è altri che un vecchietto proveniente da Omaha, in Nebraska, caduto nella terra di Oz da una mongolfiera.
Pur essendo un comune mortale, il Mago riesce ad esaudire i desideri dello Spaventapasseri, del Boscaiolo e del Leone con diversi doni che sortiscono l'effetto desiderato. Per ricondurre Dorothy e Toto a casa, il Mago costruisce una nuova mongolfiera, e decide di tornare negli Stati Uniti con loro. Lo Spaventapasseri viene eletto dal Mago nuovo reggente della Città di Smeraldo. A causa di un incidente, tuttavia, la mongolfiera parte con solo il Mago a bordo.
Dorothy viene consigliata dai cittadini di chiedere aiuto a Glinda, la Strega Buona del Sud. Tutta la compagnia si rimette quindi in viaggio, questa volta verso la terra dei Quadling, anche questa volta affrontando numerosi pericoli lungo la via. Tra l'altro, il Leone Codardo uccide un ragno gigante che terrorizza gli animali di una foresta, e viene eletto loro re. Anch'egli acconsente, ma decide di stabilirsi nella foresta solo quando Dorothy sarà partita.
Al palazzo di Glinda, Dorothy scopre di aver sempre posseduto gli strumenti per tornare a casa: le Scarpe d'Argento, infatti, possono portarla dove vuole. Dopo un saluto accorato, Dorothy torna finalmente a casa con Toto.

La morale dellafavola è semplice, ma prevede un lungo cammino:
quello che crediamo di non avere è solo perché non lo sappiamo vedere ed è inutile cercare altrove ciò che possiamo trovare direttamente dentro di noi.

TRICK OR TREAT??


Halloween è, secondo il calendario anglosassone, la notte tra il 31 di ottobre e il 1° di novembre in cui gli spiriti e le streghe incontrano i Santi. Il termine inglese "HALLOWEEN" ha origine nel Medioevo, nelle Terre del Nordeuropa, allora dominio dei Celti, con il termine "All Hallows" cioè "tutti i santi". Diventa poi "All Hallows Eve", cioè la vigilia di Ognissanti, ed infine "Halloween". Così, dalle sue origini più antiche, si arriva alla tradizione e al folklore attuale che si sta diffondendo in molti Paesi del mondo - Italia compresa - e che vede protagonisti soprattutto i bambini che, nella tradizione americana, in questa notte vanno di casa in casa dicendo "trick or treat", cioè "dolcetto o scherzetto", cioè o mi dai qualcosa o ti faccio un maleficio, un sortilegio. Il simbolo di Halloween più conosciuto è senz'altro "Jack-o-lantern", una zucca svuotata e tagliata come una faccia malvagia con una candela all'interno.

E pensare che un anno fa la sera di Halloween ero a New York, il confronto è deprimente. ;)

mercoledi2

Oggi mi sento davvero fiacchissima..colpa della parrucchiera!!!Grrr..
Mi son dovuta alzare un ora prima perchè l'unico appuntamento libero che aveva da darmi, in alternativa a quello delle 10:30, era alle 9.
Per cui sveglia ore 8:00 , colazione e via dritta a farmi i capelli, finalmente la frangia ha ripreso la sua naturale lunghezza, stavo iniziando a non vederci più! ;)

Mercoledi..


ho riletto i post di ieri.Si adesso è proprio ufficiale : SONO IMPAZZITA. :)

martedì 30 ottobre 2007

...


ero proprio io quella di prima?!?
Spero proprio di si.

..il tempo passa..

Non capisco più nulla.Non ci capisco più niente.
Non so più di chi sia la colpa, quello che so è che questi giorni sono davvero strani.
Come sempre tutto intorno è lo stesso, sono io che non riesco a star ferma.
Mi chiedo, ma se un giorno me ne andassi via qualcuno se ne accorgerebbe?Mah..discorsi da paranoica. Vorrei essere forte, vorrei tornare ad esserlo, per saper prendere le decisioni senza paura delle conseguenze.
Per poter decidere cosa è meglio per me e fregarmene del mondo intero, perchè al mondo intero spesso non frega niente di cosa sia meglio per me.
E allora mi inc... eh no!Cavolo ma si può andare avanti così?
Dovrei cancellare tutto e ricominciare, perchè nella vita non esiste il rewind? Mica si può essere sempre attenti, le cose passano senza che ce ne accorgiamo e per questo dobbiamo perderci tutte queste possibilità?
La vita è una sola e più passa il tempo più i rendo conto di quanto questo sia importante.
Non si dovrebbe mai perdere di vista questa massima, sempre che qualcuno nel frattempo non provveda a farci recapitare questo benedetto REWIND!!!
Pensieri sparsi, discorsi a bischero provocati da innumerevoli caffè, notti semi-insonni e influenzina da pre-vecchiaia..devo darmi una mossa.
Quello che vedo non mi piace neanche un pò, non è una novità, ma adesso mi ha stancato.
Non so se imparerò ad avere più rispetto per me stessa, ma vorrei almeno provarci.Me lo devo.(da me me le dico e da me me le faccio.come sempre assurda!)
Voglio fare quello che mi va quando mi va e chissene di chi non la pensa come me, fino ad ora mi son fatta mille problemi, mille paranoie per cercare di essere accondiscendente per non affrontare i veri problemi, basta. Adesso basta davvero.

IMMENSO..


"Se potessi far tornare indietro il mondo Farei tornare poi senz’altro te Per un attimo di eterno e di profondo In cui tutto sembra, sembra niente è E niente c’è... "


..per tutto il giorno non ho fatto che cantare questo pezzo..ADORO..

martedi..


Anche oggi è passato..giorno strano questo martedi 30 novembre...sarà colpa della pioggia che non ha mai smesso di cadere da ieri notte, sarà colpa della mia mezza salute che mi impedisce di fare lezione di danza...mah...mi sento stranita.
Forse tutti i discorsi fatti in questi giorni non mi sono poi scivolati via così facilmente come ho voluto far credere.
E' che ha proprio ragione il saggio: se i problemi non si affrontano e si risolvono, prima o poi ritornano, ignorarli non serve a niente.


Zero - Charles Bukowsky


Seduto a guardare la lancetta del Timex che gira e rigira e rigira...Difficile che questa qui diventi una notte da ricordareseduto a stanarmi punti neri dietro al collomentre gli altri si infilano nelle lenzuola insieme a una gnocca bollenteio mi guardo dentro e trovo il vuoto totale.Sono rimasto senza sigarette e non ho nemmeno una pistola sfoderarel'unica cosa che ho è questo blocco dello scrittore.La lancetta del Timex continua a girare e rigirare...Ho sempre voluto essere uno scrittoreadesso sono uno scrittore che non riesce a scrivere.Potrei scendere a guardare i programmi notturni alla tivù con mia mogliemi chiederà com'è andatafarò un gesto qualsiasi con la manomi piazzerò vicino a leie guarderò gli omini di vetro fallirecome ho fallito io.Adesso scendo giù per le scale che scena:un uomo vuoto che sta attento a non inciampare e sbattere la testa vuota

martedi..


...Senti che fuori piove...senti che bel rumore..

lunedì 29 ottobre 2007

Solo per te


Solo per te convinco le stelle a disegnare nel cielo infinito qualcosa che somiglia a te solo per te io cambierò pelle per non sentir le stagioni passare senza di te come la neve non sa coprire tutta la città come la notte non faccio rumore se cado è per te come la neve non sa coprire tutta la città come la notte non faccio rumore se cado è per te è per te è per te è per te come la notte non faccio rumore se cado è per te come la notte non faccio rumore se cado è per te come la notte non faccio rumore se cado è per te come la notte non faccio rumore se cado è per te

(Negramaro)

Lunedi..

Stasera ultima puntura.Finalmente inizio a sentirmi un pò meglio, non abbastanza da poter ricominciare danza, ma almeno son riuscita ad andare a vedere la lezione. A volte è anche peggio che starne lontana.
Ma come sempre, rimane quello l'unico posto capace di farmi star bene.
Qualsiasi siano i miei pensieri, per quanto possa star male, quella è la SOLA cosa che mi rende felice.
La danza riesce perfino a farmi dimenticare per qualche istante quanto faccia male vedere tanta perfezione e sapere di non avvicinarcisi neanche un pò.
La mia è una continua altalena di sentimenti, adesso felice, adesso triste, arrabbiata, furiosa, rassegnata..un vortice velocissimo che non da spazio a nient'altro, la danza è la mia quiete prima e dopo la tempesta.

Sprecata


"Ma una persona come me, una persona che ha sempre bisogno di un progetto, di una causa, non può restare senza a lungo."

Guido Nicheli


L'attore Guido Nicheli è morto all'ospedale di Desenzano del Garda per un ictus. L'attore era celebre come "il Zampetti", il cummenda milanese per antonomasia, commerciante di salumi, personaggio che ha fatto la fortuna di Nicheli e assieme lo ha imprigionato in uno streotipo di gran successo popolare, con persino dei fans club. L'attore aveva interpretato una serie lunghissima di nuove commedie all'italiana.
(...) Lo sguardo intenso, serio nelle sue iperboli parlando di soldi e cose da comprare, gioielli per tacitare la moglie come "fabrichette", dei suoi maiali, ma più spesso di "maiale", ovvero donne e amanti, Nicheli aveva una gestualità continua delle mani che sono la vera caratteristica del personaggio, assieme all'intonazione e l'inflessione lombarda. (tgcom.it)

La vita




La vita è la più monotona delle avventure.Finisce sempre alo stesso modo.
Roberto Gervaso

domenica 28 ottobre 2007

Domenica


Tutto sommato sarebbe stata una bella giornata.
Credevo persino di non farmi così schifo oggi, credevo di essermi svegliata in uno di quei giorni in cui mi sembra di ricordare come ci si sente a non odiarsi tanto e invece..
Basta un niente, una parola, un immagine, un dolore di troppo e tutto torna come prima.
Fa male. Fa male al corpo e alla mente, ma non posso sottrarmi ad una punizione che se non inflitta mi risuonerebbe nella mente all'infinito.
Ormai è semplice, non ha segreti per me, dura un solo istante.
Buio.
Riapro la porta e tutto è come prima.

Sprecata..di nuovo.


"Cominciai a piangere e dissi che era lei a non capire.Ma fui invasa da una paura terribile. Mi resi conto che forse avevo completamente distrutto la mia vita."

Sprecata


"Quando sei convinta di non valere niente per te stessa, in un angolo della tua mente cominci a credere che anche la vita non valga niente per se stessa.La vita e l'io sono molto meno importanti del tuo obbiettivo testardo."

PER TE VORREI ESSERE MIGLIORE


C'è un mistero che non lo so Quando ti vedo che cos'ho Sento tremare lo stomaco Qualcosa di profondo sai Mi fa andar fuori di testa Fuori di me Io non capisco senza di te... (Oh no!?) Il mondo che cos'è? Ho camminato per strade sai Ho fatto cose che non dovrei Ho visto cose fantastiche Ho avuto donne bellissime Nessuna ha mai chiarito se Il mondo è vero senza di te... (Oh no?) Io credo di no! Standing ovation Standing ovation per te! Standing ovation ovation for you! Ho passeggiato nel buio sai ho vinto tutto e ho riperso poi Ho visto cose fantastiche Ho avuto donne bellissime Nessuna ha mai chiarito se Il mondo è vero senza di te... (Oh no?) Io credo di no! Standing ovation Standing ovation per te Standing ovation Ovation for you! Standing ovation Standing ovation per te Standing ovation Ovation for you Ti ho mandato un messaggio ieri sera é sulla segreteria telefonica sono dei fiori No Ti ho pensato molto stamattina
Quando ho visto nascere il sole
Ti ho mandato subito un messaggino
Era: per te vorrei essere migliore
Standing ovation
Ovation for you

sabato 27 ottobre 2007

ORA SOLARE


Torna l'ora solare
Alle 3 le lancette vanno indietro.
Nella notte fra sabato 27 e domenica 28 ottobre, alle 3 del mattino le lancette dell’orologio tornano indietro di un’ora: sarà infatti di nuovo in vigore l’ora solare che ci farà compagnia fino al 30 marzo 2008. Dopo sette mesi viene così archiviata l'ora legale, che nel 2007 ha permesso un risparmio energetico di circa 84 milioni di euro. Il passaggio all’orario invernale ci permetterà di dormire un’ora in più.
(...) In Italia è stata adottata per la prima volta nel 1916 e in via definitiva nel 1966, durante gli anni della crisi energetica, e da allora entra in vigore tutti gli anni dall’ultima domenica di marzo all'ultima di ottobre.
(tgcom.it)

TOONSTRAVEL


Filippo Timi


tratto dal libro TUTTALPIU' MUOIO di Albinati & Timi
''La gente - racconta l'attore - oggi ha paura di amare. In giro non ci sono più esseri erotici. Non vedo più uomini che amano veramente le donne, e non vedo più donne che amano veramente se stesse. La bestia e' un'immagine che avevo in testa e che mi ossessionava: sentivo un mostro che mi azzannava al collo. Quel mostro per me e' la vita, e non si capisce se la vittima siamo noi o lei. Siamo noi i parassiti o lei? Ecco perché cerco di morderla questa vita; per riappropriarmene e trasformare questo morso prima in un ghigno e poi in un sorriso.

Stupendo




..mi rendo conto che il tempo vola e che la vita poi è una sola...

UN SENSO


Voglio trovare un senso a questa sera
Anche se questa sera un senso non ce l'ha
Voglio trovare un senso a questa vita
Anche se questa vita un senso non ce l'ha
Voglio trovare un senso a questa storia
Anche se questa storia un senso non ce l'ha
Voglio trovare un senso a questa voglia
Anche se questa voglia un senso non ce l'ha
Sai che cosa penso
Che se non ha un senso
Domani arriverà... Domani arriverà lo stesso
Senti che bel vento
Non basta mai il tempo
Domani un altro giorno arriverà...
Voglio trovare un senso a questa situazione
Anche se questa situazione un senso non ce l'ha
Voglio trovare un senso a questa condizione
Anche se questa condizione un senso non ce l'ha
Sai che cosa penso
Che se non ha un senso
Domani arriverà
Domani arriverà lo stesso
Senti che bel vento
Non basta mai il tempo
Domani un altro giorno arriverà...
Domani un altro giorno... ormai è qua!
Voglio trovare un senso a tante cose Anche se tante cose un senso non ce l'ha

IL CACCIATORE DI AQUILONI


Descrizione:Si dice che il tempo guarisca ogni ferita. Ma, per Amir, il passato è una bestia dai lunghi artigli, pronta a riacciuffarlo quando meno se lo aspetta. Sono trascorsi molti anni dal giorno in cui la vita del suo amico Hassan è cambiata per sempre in un vicolo di Kabul. Quel giorno, Amir ha commesso una colpa terribile. Così, quando una telefonata inattesa lo raggiunge nella sua casa di San Francisco, capisce di non avere scelta: deve tornare a casa, per trovare il figlio di Hassan e saldare i conti con i propri errori mai espiati. Ma ad attenderlo, a Kabul, non ci sono solo i fantasmi della sua coscienza. C'è una scoperta sconvolgente, in un mondo violento e sinistro dove le donne sono invisibili, la bellezza è fuorilegge e gli aquiloni non volano più. Trent'anni di storia afgana - dalla fine della monarchia all'invasione russa, dal regime dei Talebani fino ai giorni nostri - rivivono in questo romanzo coinvolgente e pieno d'atmosfera.


414 PAGINE, LETTO IN UNA SETTIMANA, EMOZIONANTE.

3°acquisto del giorno


In realtà il suo vero nome era Eleanora Fagan Gough, ma scelse il nome d'arte Billie Holiday perché il padre, riferendosi scherzosamente ai suoi atteggiamenti da maschiaccio, la chiamava Billy, e come omaggio all'attrice Billie Dove, di cui era una grande ammiratrice. Billie nacque a Baltimora da genitori poco più che adolescenti. Il padre, reduce dalla prima guerra mondiale, divenne chitarrista e, con le prime scritture, abbandonò la famiglia. Billie ebbe un'infanzia travagliata. Trascorse l'infanzia a Baltimora, trattata duramente dalla cugina della madre alla quale quest'ultima l'aveva affidata mentre lavorava come domestica a New York. Billie ricorda che guadagnava qualche spicciolo lavando le soglie delle case del quartiere: non si faceva pagare solo dalla tenutaria del bordello, che in cambio le lasciava ascoltare i dischi di Louis Armstrong sul fonografo del salotto. Ancora bambina raggiunse la madre, e cominciò a procurarsi da vivere prostituendosi in un bordello ad Harlem, il che le procurò ben presto una condanna a quattro mesi di carcere. Quando fu rilasciata, per evitare di tornare a prostituirsi, cercò una scrittura come ballerina in un locale notturno: Billie non sapeva ballare, ma venne assunta immediatamente quando la fecero cantare e, ad appena 15 anni iniziò la sua carriera di cantante nei nightclub di Harlem. In questo periodo le colleghe iniziarono a chiamarla "Lady" (la signora) perché si rifiutava di raccogliere le mance ai tavoli prendendo la banconote tra le cosce come le altre. Nel 1933, diciottenne, venne scoperta dal produttore John Hammond, che le organizzò alcune sedute in sala d'incisione con Benny Goodman. Successivamente lavorò con leggende del jazz come Count Basie, Artie Shaw e Lester Young, al quale fu legata da un intenso rapporto d'amicizia e per il quale coniò il soprannome "Prez", "il presidente".
Billie Holiday, con l'aiuto e il supporto di Artie Shaw, fu tra i primi cantanti neri ad esibirsi assieme a musicisti bianchi, superando le barriere di razza e colore. Tuttavia, nei locali dove cantava doveva comunque utilizzare l'ingresso riservato ai neri, e rimanere chiusa in camerino fino all'entrata in scena. Una volta sul palcoscenico, si trasformava in Lady Day: portava sempre una gardenia bianca tra i capelli, che divenne il suo segno distintivo. Il suo coinvolgimento emotivo e la sua voce unica riuscivano a rendere speciali anche le canzoni più semplici.
Nel 1947 apparve nel film-musical New Orleans accanto a Louis Armstrong. Nel 1954 andò in tournée in Europa, e nel 1956 scrisse un'autobiografia, Lady sings the Blues ("La signora canta il blues"). Morì tre anni dopo, ad appena pochi mesi di distanza dal suo vecchio amico Leste Young al cui funerale non poté cantare.

Billie canta
La carriera e la vita di Billie Holiday furono segnate dalla dipendenza dall'alcool e dalla droga, da relazioni burrascose e da problemi finanziari. Anche la sua voce ne risentì, e nelle sue ultime registrazioni l'impeto giovanile lasciò il posto al rimpianto. La morte la portò via molto presto, ad appena 44 anni, per le complicanze di un'epatite.
Il suo impatto sugli altri artisti fu comunque notevole in ogni fase della sua carriera. Anche dopo la morte continuò ad influenzare altre cantanti come Janis Joplin e Nina Simone. Diana Ross interpretò la sua parte nel film La signora del blues, tratto dalla sua autobiografia. Alla fine degli anni ottanta, gli U2 le dedicarono la struggente Angel of Harlem: «Lady Day got diamond eyes, she sees the truth behind the lies» ("Lady Day ha occhi di diamante, vede la verità dietro le bugie").
Tra le canzoni più famose del repertorio di Billie Holiday ricordiamo "God Bless the Child" (da lei composta), "Lover Man", "I Loves You Porgy" e "The Man I Love" di George Gershwin, "Billie's Blues", "Fine and mellow", "Strange fruit". Quest'ultima canzone fu negli anni quaranta l'inno della protesta per i diritti civili. (Wikipedia)

2°acquisto del giorno


IL GRANDE GATSBY - F.Scott Fitzgerald

Chi è il misterioso e ricchissimo vicino di casa di Nick Carraway, a West Egg? E perché passa tanto tempo a fissare quella piccola luce verde che brilla su uno dei moli dell'altra sponda della baia? Il filo conduttore del capolavoro di Francis Scott Fitzgerald è il sogno impossibile cullato da Jay Gatsby. L'ambizioso giovanotto, che ha saputo conquistarsi con tutti i mezzi, leciti e no, prestigio, ricchezza e rispettabilità, vuol far rivivere l'amore fiorito un tempo tra lui e Daisy che un giorno lo ha respinto, povero e senza prospettive, per sposare il rampollo di una delle grandi famiglie americane. Ma i sogni più sono belli e meno hanno la possibilità di avverarsi. E Jay Gatsby non solo non riuscirà a strappare Daisy a Buchanan, pur gettando sulla bilancia tutto il peso del suo fascino e del suo potere, ma finirà addirittura col cadere, vittima innocente, sotto i colpi di un marito tradito messo sulle sue tracce, per vendetta, dal perfido rivale. Al di là dei riferimenti autobiografici, "Il Grande Gatsby" è sopratutto il ritratto di un epoca in cui il mondo dei contrabbandieri di alcolici si mescolava allegramente con quello dei banchieri e delle 'flappers' dei "Roaring Twenties", in attesa che la Grande Crisi seppellisse tutto sotto le macerie dell'"American Dream".

1°acquisto del giorno


INTERNATIONOIR

Descrizione:Manchette, Chabon, Lansdale, Miller, Altieri… Dopo il successo dell’antologia “italiana” a fumetti Alta criminalità, si danno appuntamento in quest’opera alcuni fra i migliori talenti del noir internazionale contemporaneo interpretati da grandi firme del fumetto e dell’illustrazione. Il risultato? Un’imperdibile raccolta di racconti a strisce, storie mozzafiato che si rincorrono immagine dopo immagine, battuta dopo battuta, per tenere il lettore sotto il fuoco incrociato di quattro mani – quelle dello sceneggiatore e quelle dell’illustratore – d’eccezione.

venerdì 26 ottobre 2007

buonanotte..


Your love is fading I can feel your love fading Woman it's fading away from me 'Cause your personal touch has grown cold as if someone else controls your very soul I fooled myself long as I can I can feel the presence of another man It's there when you speak my name It's just not the same Oh honey I'm losing you I can feel it in the air, it's there everywhere Oh I'm losing you I can feel it in my bones any day you'll be up and gone Ooh I'm losing you It's all over your face someone's takin' my place Could it be that I'm losing you When I look into your eyes a reflection of a face I see Oh Lord I'm losing you I'm hurt, downhearted and worried girl 'cause that face doesn't belong to me Your love is fadin', I can feel it fadin' Oh away from me I can feel it in the air, it's there everywhere ooh I'm losing you I don't wanna lose you but I know I'm gonna groove you Oh Lord I'm losing you, and I'm a losin' you Your love is fadin', I can feel it fadin' Oh Lord I'm losing you

DEXTER


In prima visione assoluta in Italia, dall'11 Ottobre, arriva DEXTER. Dexter Morgan, ematologo del Dipartimento di Polizia di Miami, conduce una doppia vita. Quando non è intento ad aiutare la Divisione Omicidi nella risoluzione dei casi, trascorre il tempo libero a dare la caccia e ad uccidere tutti “quei cattivi ragazzi” che sono sfuggiti alla macchina della giustizia. Molto amato da amici e colleghi, che ignorano le sue reali inclinazioni, Dexter è l’anti-eroe per eccellenza, un serial killer giustiziere capace di non lasciare tracce del suo operato e attento a depistare le indagini, se necessario. Parallelamente impegnato a portare avanti la sua immagine da ragazzo “pulito” e coscienzioso, Dexter è il nuovo American Psycho in formato televisivo, che è solito collezionare, come trofei delle sue sanguinarie scelleratezze, i vetrini contenenti il sangue delle sue vittime.


GENIALE.

Fabrizio De Andrè


Canzone dell'amore perduto

Ricordi sbocciavan le viole con le nostre parole "Non ci lasceremo mai, mai e poi mai", vorrei dirti ora le stesse cose ma come fan presto, amore, ad appassire le rose così per noi l'amore che strappa i capelli è perduto ormai, non resta che qualche svogliata carezza e un po' di tenerezza. E quando ti troverai in mano quei fiori appassiti al sole di un aprile ormai lontano, li rimpiangerai ma sarà la prima che incontri per strada che tu coprirai d'oro per un bacio mai dato, per un amore nuovo. E sarà la prima che incontri per strada che tu coprirai d'oro per un bacio mai dato, per un amore nuovo.

Kevin Mitnick


Ciò che non conoscete vi potrebbe danneggiare.

e vai con la terza puntura..


..ma è possibile che siano sempre più dolorose?!?Stasera proprio non resitevo...gwortjadfdnydvsjtbhibtjesnyrbgjtjgux...e non aggiungo altro.

SexAndTheCity


Esattamente che potere aveva la bellezza? Cominciai a realizzare che essere bellissime è come avere un appartamento ad affitto bloccato con vista sul parco, cosa assolutamente ingiusta, cosa che di solito capita a chi non se la merita. Rettifico: la bellezza è passeggera, un appartamento con vista sul parco ad affitto bloccato è per sempre.

Carrie

How to save a life - The Fray


Step one you say we need to talk He walks you say sit down it's just a talk He smiles politely back at you You stare politely right on through Some sort of window to your right As he goes left and you stay right Between the lines of fear and blame And you begin to wonder why you came Where did I go wrong, I lost a friend Somewhere along in the bitterness And I would have stayed up with you all night Had I known how to save a life Let him know that you know best Cause after all you do know best Try to slip past his defense Without granting innocence Lay down a list of what is wrong The things you've told him all along And pray to God he hears you And pray to God he hears you Where did I go wrong, I lost a friend Somewhere along in the bitterness And I would have stayed up with you all night Had I known how to save a life As he begins to raise his voice You lower yours and grant him one last choice Drive until you lose the road Or break with the ones you've followed He will do one of two things He will admit to everything Or he'll say he's just not the same And you'll begin to wonder why you came Where did I go wrong, I lost a friend Somewhere along in the bitterness And I would have stayed up with you all night Had I known how to save a life
---------------------------------
Traduzione : Come Salvare Una Vita
Fai un passo, dici, abbiamo bisogno di parlare lui cammina, tu dici: "Siediti, è solo una chiacchierata" lui ti sorride educatamente come risposta tu lo fissi educatamente dritto negli occhi c'è una sorta di finestra alla tua destra mentre lui va verso sinistra e tu te ne stai in mezzo tra paura e senso di colpa e cominci a chiederti perché sei venuto dove ho sbagliato? Ho perso un amico da qualche parte, nell'amarezza e sarei rimasto in piedi con te tutta la notte se avessi saputo come salvare una vita fagli sapere che tu lo conosci meglio di chiunque altro perché, dopotutto, lo conosci davvero meglio degli altri cerca di infiltrarti tra le sue difese senza concedergli l'innocenza stendi una lista di cosa è sbagliato le cose che gli hai sempre detto e prega Dio che lui ti stia a sentire e prega Dio che lui ti stia a sentire dove ho sbagliato? Ho perso un amico da qualche parte, nell'amarezza e sarei rimasto in piedi con te tutta la notte se avessi saputo come salvare una vita appena lui inizia ad alzare la voce tu abbassa la tua e concedigli un'ultima possibilità guida fino a perdere la strada oppure rompi i rapporti con quelli che hai seguito lui farà una o due cose, ammetterà tutto oppure dirà di non essere più lo stesso e tu incomincerai a chiederti perché sei venuto dove ho sbagliato? Ho perso un amico da qualche parte, nell'amarezza e sarei rimasto in piedi con te tutta la notte se avessi saputo come salvare una vita

giovedì 25 ottobre 2007

test vita precedente


Risultato test vita precedente
La risposta dell'oracolo:
Lavoro: Non so come possa farti sentire, ma nella tua vita precedente eri di sesso MASCHILE ed eri uno SCERIFFO, un CAVALIERE o un RANGER ..
Zona: a quel paese....
Periodo storico: nei primi anni D.C.Un breve profilo psicologico della tua vita precedente: Carattere duro e forte, in grado di prendere decisioni difficili in situazioni critiche, con ottimo autocontrollo... ma per questo non sempre amato dalla gente. Cominci a ricordare il tuo passato?....

sintomi della depressione


Riconoscere i sintomi della depressione
I sintomi della depressione possono variare ampiamente. Alcuni dei sintomi più frequenti sono rappresentati da sentimenti di impotenza e pessimismo, tristezza continua, pensieri negativi o preoccupazioni eccessive, bassa autostima, perdita di piacere nelle attività comuni, irritabilità, difficoltà di concentrazione, disturbi della memoria e indecisione. Altri sintomi sono: sensazione di scarsa energia, aumento o diminuzione dell'appetito, alterazioni del sonno (aumento o diminuzione delle ore di sonno) e diminuito interesse per il sesso. Se diversi di questi sintomi sono presenti e perdurano per settimane o mesi, è molto probabile che si tratti di depressione.
Nelle giovani donne i segnali di depressione possono includere problemi scolastici e disturbi alimentari. Esse possono avere un'immagine distorta del proprio corpo, una perdita d'appetito, una generale mancanza di soddisfazione, sentimenti d'infelicità con se stesse e con la vita in generale.
Donne più anziane possono celare disturbi del comportamento o non ammettere d'essere infelici o depresse. Possono, invece, lamentare disturbi fisici come dolori cronici, problemi digestivi o mal di testa.


NON AGGIUNGO ALTRO.

Fuitina a Venezia, presi due 13enni


Cc inteneriti offrono cena romantica
Una coppia di giovanissimi fidanzati (13 anni lei e 12 lui) è fuggita di casa da Grosseto per approdare a Venezia. Poi, presi dall'atmosfera romantica della città, si sono recati in un albergo dove hanno chiesto una camera con vista sulla laguna. Ma il loro sogno è finito lì. Il portiere, accortosi dell'età acerba, ha chiamato i carabinieri. I militari, inteneriti, hanno offerto la cena alla coppia.
E' durata poche ore la "fuitina" dei due adolescenti. I ragazzi si sono presentati di notte al portiere di un hotel del centro storico e hanno chiesto una camera con vista romantica.Il portiere prima ha pensato ad uno scherzo. Poi, ha chiamato le forze dell'ordine. In poco tempo, sul posto è arrivata una motovedetta del Nucleo natanti dei carabinieri di Venezia. Ai militari i ragazzi hanno raccontato di essere fratelli. Poi, hanno ammesso la fuga da casa per ribellarsi ai genitori contrari alla loro relazione.Inteneriti da questi "Romeo e Giulietta" in erba, gli uomini dell'Arma hanno voluto lasciare loro un bel ricordo di Venezia. In attesa che mamma e papà li venissero a prendere, hanno offerto loro una romantica cena a lume di candela nello splendido convento di San Zaccaria.(tgcom.it)

Seconda puntura..


AAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHH!!!!!

Norma Jeane Mortenson


« Si materializzò sulla porta come l'ultimo dei pensieri, quello che non ti capita mai in testa, quello che quando arriva fa "bang", e per qualche minuto hai la mente vuota e non sai pensare ad altro »
(Arthur Miller, intervista rilasciata al
New York Times nel 1963, riferita al primo incontro con Marilyn Monroe)

Dipinto milionario ritrovato nell'immondizia a New York


(NYC-site.com)

Il tesoro che una donna di NY ha trovato nell’immondizia è un capolavoro dell’artista messicano Rufino Tamayo, rubato anni fa. Il prossimo mese è già prevista un'asta per la vendita del dipinto che potrebbe raggiungere il milione di dollari.
Elizabeth Gibson, questo il nome della signora che ha ritrovato il quadro, riceverà 15 mila dollari per averlo restituito al suo legittimo proprietario più una percentuale, che non è stata resa pubblica, sul ricavato dell’asta.
Circa quattro anni fa la signora Gibson stava andando a prendere un caffè nella zona dell'Upper West Side a New York quando vide un dipinto nascosto tra le buste dell'immondizia sul marciapiedi in attesa di essere raccolte dai netturbini.
All’inizio passò senza dargli troppo peso, però poi decise di tornare indietro. “Sapevo che dovevo prenderlo”, ha detto la signora, “era un bel dipinto e mi sono detta che non era quello il suo posto”.
La signora Gibson, che nel frattempo aveva appeso il quadro in casa sua, ha scoperto il reale valore del dipinto, solo quando alcune ricerche su internet l’hanno portata ad un sito chiamato “Antiques Roadshow FYI”, un programma affiliato allo spettacolo della PBS “Antiques Roadshow”. L’esperto d’arte della Sotheby’s, August Uribe, aveva mostrato il dipinto su “Antiques Roadshow FYI” dopo che fu rubato più di 20 anni fa.
“Tres Personajes”, questo il titolo dell'opera d'arte, è stato restituito al proprietario che desidera però rimanere anonimo. Si pensa che enl corso dell'asta organizzata da Sotheby’s il prossimo 20 novembre, si possa raggiungere una cifra compresa tra i 750 mila e il milione di dollari.
Se la signora Gibson non avesse agito così rapidamente sarebbe potuto andare perduto per sempre. Un portiere lì vicino successivamente le ha detto che i netturbini passarono solo 20 minuti dopo che se ne andò con il suo ritrovamento.

Milano, lap dance in metropolitana


..singolare spogliarello all'interno di una carrozza della linea 1. L'ora non è certamente quella di punta e il vagone non è affollato, ma all'inedita "scena hot" assistono attoniti diversi passeggeri.
Esilarante lo strip inscenato, con tanto di lap dance e performance al limite della "decenza". Il tutto è accompagnato dal brano "Più stile" di J Ax e si conclude alla stazione Cordusio. Impossibile resistere al siparietto... (nella foto:lo scemo del villaggio!!!)
http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo385113.shtml

mercoledì 24 ottobre 2007

Punturaaaa


oggi nuova visita dal dottore (a distanza di una settimana) per svelare il mistero della tosse che non se ne và (nonostante la clausura forzata+antibiotici+sciroppo) e il mago della medicina cosa mi ha detto appena mi ha visto? :"ma come mai non ti è ancora passata?!?".....e se lo sapevo venivo qui!!???!!!
Mah..
Vabbè, alla fine la nuova prescrizione è stata:
- sciroppo 3 volte al dì
- pasticca di cortisone 1 volta al dì
- PUNTURE di antibiotico 1 volta al dì

sciroppo : preso.
cortisone : inizio domattina
puntura :appena fatta...MALEEEEEEEE!!

Sto girando per casa con una mano che tiene il cotone e facendo smoprfie di dolore ai limiti del sopportabile...non mi ricordavo che fossero così dolorose, e ora chi ce la fa a farne altre 5?!?

Manifesti shok in Toscana


Neonato "gay": scoppia la polemica
(tgcom.it)
L'intento era quello di dire no alle discriminazioni sessuali. L'effetto è stato un sollevarsi di polemiche dopo che la regione Toscana ha realizzato una campagna pubblicitaria nella quale compare l'immagine di un neonato con la classica fascetta a polso dove, al posto del nome, c'è scritto "omosessuale". Il centrodestra: "Raccapricciante". "L'Italia si adegui alla Toscana", ha commentato il presidente dell'Arcigay Mancuso.
La foto shock, ceduta gratuitamente, arriva dal Quebec, realizzata dalla Fondazione canadese Emergence. In Toscana l'immagine sarà affissa in luoghi pubblici e farà parte di campagne pubblicitarie, cartoline e depliant. Il bambino "omosessuale" sarà anche il logo di una due giorni di incontri contro le discriminazioni che si svolgerà a Firenze, il 26 e 27 ottobre prossimi nell'ambito del Festival della creatività.Ma la campagna non ha mancato di sollevare critiche da varie parti. Mentre le associazioni gay e alcuni rappresentanti del centrosinistra hanno accolto con favore l'iniziativa, Luca Volonté del centrodestra ha giudicato il manifesto della Regione Toscana "assolutamente raccapricciante". "Strumentalizzare i neonati per far passare l'idea che le pulsioni omosessuali siano una caratteristica innata dei bambini - ha detto - è un atto fuorviante e vergognoso sotto il profilo scientifico, politico e sociale".Massimo Polledri della Lega ha chiesto che la "Regione Toscana ritiri immediatamente questi manifesti così di pessimo gusto. Utilizzare i bambini ricorda quelli del ventennio vestiti da balilla con il fez, con la differenza che già gli mettono un simbolo di appartenenza". Secondo Isabella Bertolini (Forza Italia), "pur di affermare un modello alternativo di società, nel quale domina l'indeterminatezza sessuale, la Regione Toscana non esita ad utilizzare un neonato in modo strumentale ed ideologico".Si è difeso il promotore del progetto, l'assessore regionale alle riforme istituzionali Agostino Fragai: "Affrontare le discriminazioni sessuali - ha affermato - non toglie nulla, né in termini di tempo né di risorse, ad altri problemi. Una società più coesa, che non discrimina, assicura più diritti per tutti"
.

martedì 23 ottobre 2007

Negramaro - L'immenso


...Tenersi stretto, stretto in tasca il mondo
Per poi ridarlo un giorno solo a te
A te che non sei parte dell’immenso
Ma l’immenso che fa parte solo di te
Solo di te...

Finta influenza


adesso viene fuori che questa non è ancora la vera influenza, e che vuol dire?
(rullo di tamburi.......)
Signori e signori, ladies and gentlemen, madame et monsiur...(rullo) ecco a voi miss sfigata, colei che sfidando ogni previsione riesce a prendere anche le FINTE influenze..(fine del rullo di tamburi...piatti...) : TA DAAA!

telefonata..


lunedì 22 ottobre 2007

Negrita


Ho sbagliato per sbagliare non perche' lo dite voi
e non mi pento proprio, sono in riserva ormai
Io ci credo in quel che voglio e forse voglio farmi male
ma non mi riconosco in quello che conviene
Mi piace scivolarvi fuori da ogni calcolo
Per riportarmi in riga servira' un miracolo
Complici e simili da credere alle favole
Coi nostri sogni in gola questa notte sembra fatta per noi...
CHE NON CI GUARDEREMO INDIETRO MAI
NON CI GUARDEREMO INDIETRO MAI
Traghettato da un destino a volte sordo e malinconico
In un viaggio clandestino tra allucinazioni e panico
forse perche' so di avere un diamante tra le mani
un morbido rifugio per tempi meno buoni
Mi spinge sul divano lo so che ha gia' deciso
E resto senza fiato tra l'inferno e il paradiso
Scioglie i capelli in boccole di nuvole
Il suo sapore e' miele e questa notte sembra fatta apposta per noi...
CHE NON CI GUARDEREMO INDIETRO MAI
NON CI GUARDEREMO INDIETRO MAI


Son rientrata a casa con questa canzone che risuonava dal mio stereo...adoro.

Giornata boh


Resoconto della giornata..
Son qui davanti al pc che mi bevo, nella mia tazza I LOVE NY, il thè verde senza zucchero...farà anche bene ma fa tanto schifo!!!
Oggi giornata lavorativa super incasinatissima, mille lavori da fare e tanta poca organizzazione (non per colpa mia!)
Verso le 18 ho iniziato ad interrogarmi:vado o non vado a danza?e soprattutto la faccio o no?
Avevo già la borsa pronta in macchina (il mio cuore già sapeva doveva solo comunicarlo al cervello!), pensa...ripensa...alla fine alle 18:15 sono uscita e sono andata nell'unico posto dove riesco a stare bene.
Ho fatto un ora e 15 minuti di lezione, sbarra e un esercizio al centro, appena ho visto l'adagio...son fuggita a fare la doccia!
Adesso 2 chiacchere con una nuova amica, aggiornamento del blog, lettura di eventuali mail e via a nanna...son distrutta...MA FELICE!
Notteeeeeeeeeeeee

La moda è ciò che uno indossa. Ciò che è fuori moda è ciò che indossano gli altri

La moda è ciò che uno indossa. Ciò che è fuori moda è ciò che indossano gli altri
(O.Wilde)

WOODY ALLEN

Fino all'anno scorso avevo un solo difetto: ero presuntuoso.
Il mondo si divide in buoni e cattivi. I buoni dormono meglio ma i cattivi, da svegli, si divertono molto di più.
Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile.
Saggio è chi riesce a vivere inventandosi le proprie illusioni.
Fare sesso è come giocare a bridge. Se non hai un buon partner, meglio che tu abbia una buona mano!
Il sesso è sporco? Solo quando è fatto bene.
"Non sono narcisista, ne' egoista. Se fossi vissuto nell'antica Grecia non sarei stato Narciso"
"E chi saresti stato?"
"Giove"

ODE AL GIORNO FELICE - Pablo Neruda

Questa volta lasciate che sia felice,non è successo nulla a nessuno,non sono da nessuna parte,succede solo che sono felicefino all’ultimo profondo angolino del cuore. Camminando,dormendo o scrivendo,che posso farci, sono felice.sono più sterminato dell’erba nelle praterie,sento la pelle come un albero raggrinzito,e l’acqua sotto,gli uccelli in cima,il mare come un anello intorno alla mia vita,fatta di pane e pietra la terral’aria canta come una chitarra.Tu al mio fianco sulla sabbia, sei sabbia,tu canti e sei canto,Il mondo è oggi la mia animacanto e sabbia,il mondo oggi è la tua bocca,lasciatemi sulla tua bocca e sulla sabbiaessere felice,essere felice perché si,perché respiro e perché respiri,essere felice perché tocco il tuo ginocchioed è come se toccassi la pelle azzurra del cieloe la sua freschezza.Oggi lasciate che sia felice, io e basta,con o senza tutti, essere felice con l’erbae la sabbia essere felice con l’aria e la terra,essere felice con te,con la tua bocca,essere felice.
Ed è proprio quello che non si potrebbe quello che vorrei, ed è sempre quello che non si farebbe quello che farei,ed è come quello che non si direbbe che direi quando dico che non è cosi il mondo che vorrei non si può sorvolare le montagne non può andare dove vorresti andare sai cosa c’è ogni cosa resta qui qui si può solo piangere e alla fine non si piange neanche più ed è proprio quando arrivo lì che già ritornerei ed è sempre quando sono qui che io ripartirei ed è come quello che non c’è che io rimpiangerei quando penso che non è cosi il mondo che vorrei non si può fare quello che si vuole non si può spingere solo l’acceleratore guarda un pò ci si deve accontentare qui si può solo perdere e alla fine non si perde neanche più!
Questo ti volevo dire.
Ho rotto il nostro patto ma forse è stato meglio così.
Ora basta però, non ti voglio rattristare. Mia madre mi ha detto anche che sei bellissima e io lo sapevo. Quando eravamo piccoli ero sicuro che saresti diventata Miss Italia.
Ti bacio,
Pietro
P.S. : preparati perchè quando passo da Bologna
ti prendo e ti porto via.

(Niccolò Ammaniti)

GREATEST MOVIE MOMENTS

Lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine…
Lentamente muore chi evita una passione…
Lentamente muore chi non capovolge il tavolo…
Chi non rischia la certezza per l’incertezza…
Chi non si permette almeno una volta di fuggire ai consigli sensati…
Lentamente muore chi non trova grazia in se stesso..
Chi distrugge l’amor proprio, chi non si lascia andare…
…evitiamo la morte a piccole dosi,
ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo di gran lunga maggiore
del semplice fatto di respirare…

(Parlami d'amore)

Jack Frusciante è uscito dal gruppo

"E va bene che non bisogna dipendere da nessuno nella propria cazzo di vita, ma io mica dipendo. Io vivo anche da solo, senza dipendere da nessuno, col pilota automatico. (...). Posso sopravvivere col pilota automatico, ma vivere è un altra cosa... Da quando ci siamo addomesticati a vicenda, è logico, per restare a un certo livello non posso più fare a meno di lei;e per lei è lo stesso, anche se ho bisogno di sentirmelo dire cento volte, perchè la paura è troppa"

Pausa pranzo sul Rockfeller Center-New York,USA, 1932

RIDE DELLE CICATRICI ALTRUI CHI NON EBBE A SOFFRIR GIAMMAI FERITA.
"La vita reale è soltanto il riverbero dei sogni dei poeti.La vista di tutto ciò che è bello in arte o in natura, richiama con la rapidità del fulmine il ricordo di chi si ama"(Stendhal)
"Che cosa si dice di un uomo non è importante. Il punto che conta è chi lo dice."(Oscar Wilde)
"Pensa, parla e agisci come se tu dovessi uscire dalla vita da un momento all'altro. "(Marco Aurelio)
La cosa seccante di questo mondo è che gli imbecilli sono sicuri di sé, mentre le persone intelligenti sono piene di dubbi.
(Bertrand Russell)
E tu spiegami adesso tutto questo silenzio dove va a finire
Se non riesco a parlarti e non so più toccarti

Mi sento morire
Parlo con te

La tigre e la neve

"Se muore lei, per me tutta questa messa in scena del mondo che gira... posso anche smontare, portare via, schiodare tutto, arrotolare tutto il cielo e caricarlo su un camion col rimorchio, possiamo spengere questa luce bellissima del sole che mi piace tanto... ma tanto... lo sai perchè mi piace tanto? Perchè mi piace lei illuminata dalla luce del sole, tanto... portar via tutto questo tappeto, queste colonne, questo palazzo... la sabbia, il vento, le rane, i cocomeri maturi, la grandine, le 7 del pomeriggio, maggio, giugno, luglio, basilico, le api, il mare, le zucchine... le zucchine..."
(http://it.youtube.com/watch?v=Zex_vvPL0Vw)

L'INVIDIOSO MI LODA SENZA SAPERLO. (Kahlil Gibran)
Posso credere a tutto, purché sia sufficientemente incredibile.
(Oscar Wilde)

NOI VOGLIAMO, PER QUEL FUOCO CHE CI ARDE NEL CERVELLO, TUFFARCI NELL'ABISSO, INFERNO O CIELO NON IMPORTA. (Charles Baudelaire)
ERRARE HUMANUM EST, PERSEVERARE AUTEM DIABOLICUM
FATTI NON FOSTE A VIVER COME BRUTI, MA PER SEGUIR VIRTUTE E CANOSCENZA.
INGANNEVOLE E' IL CUORE PIU' DI OGNI COSA E INCURABILE!CHI LO PUO' CONOSCERE?
(Geremia 17,9)

SENZA MUSICA LA VITA SAREBBE UN ERRORE.
(F.Nietzsche)

L'UOMO PIU' SAGGIO NON E' COLUI CHE SA MA CHI SA DI NON SAPERE.(Socrate)
Cos'è il genio ? E' fantasia, intuizione, colpo d'occhio e velocità di esecuzione. (AMICI MIEI)
«Il sentimento più forte e più antico dell'animo umano è la paura, e la paura più grande è quella dell'ignoto.» (H.P.Lovecraft)
"E quando guardi con quegli occhi grandi forse un po' troppo sinceri, sinceri si vede quello che pensi, quello che sogni.... "
"COME FAI ADESSO CHE SEI RIMASTA SOLO TE A SPERARE IN QUALCOSA DI MIGLIORE A PENSARE ANCHE AL GRANDE AMORE ..SEI UN'INCREDIBILE ROMANTICA UN PO' NEVROTICA MA NON PATETICA CERTO UNICA "
"..Ed ora che non mi consolo guardando una fotografia mi rendo conto che il tempo vola e che la vita poi è una sola... "
"..E quando un giorno t'incontrerò magari per la strada magari proprio sotto casa tua ehh!!! ma guarda il caso però guarda il destino splendido!! crudele e splendido!!!! E intanto i giorni passano e i ricordi sbiadiscono e le abitudini cambiano eh eh eh!! E' stato splendido..... "
"...cosa non....farei... io non voglio correre e tu!...non riderai... cosa non...darei... per vivere una favola..."
"..VOGLIO UNA VITA MALEDUCATA DI QUELLE VITE FATTE FATTE COSI' VOGLIO UNA VITA CHE SE NE FREGA CHE SE NE FREGA DI TUTTO SI' VOGLIO UNA VITA CHE NON E' MAI TARDI DI QUELLE CHE NON DORMI MAI VOGLIO UNA VITA VEDRAI CHE VITA VEDRAI .."
..Le stelle stanno in cielo e i Sogni....non lo so So solo che son pochi.... quelli che s'avverano..
"..dietro non si torna non si può tornare giù Quando ormai si vola non si può cadere più.... Qui è logico cambiare mille volte idea ed è facile sentirsi da buttare via!! "
"..e tu Parli....parli... parli di" cose che passano....." e poi sogni......sogni sogni che poi svaniscono Stai con me... ci stai o no ci stai un attimo......un giorno ci stai per essere ancora mia.... oppure ci stai per non andare via!! "
"..il "ritmo" del mondo batte dentro di te mentre cerchi qualcosa.... che forse non c'è!.."
"..Ti sei accorta che facciamo l'amore...sì ti sei accorta sì e non mi dire che non lo volevi e che non lo sapevi che finiva così va bene va bene va bene distratta quando ti conviene diresti anche che mi vuoi bene anche se non me ne vuoi più.."
"..E ho guardato dentro un'emozione e ci ho visto dentro tanto amore che ho capito perché non si comanda al cuore. E va bene così... senza parole... senza parole... "
"Per il mio limite Io non so stare solo Vivere insieme a me Basta aspettarmi uscire... E prendermi con sé Credi che sia facile Credi che sia semplice Vai a farti fottere Credi che sia Una storia semplice .."
"..Voglio trovare un senso a questa vita Anche se questa vita un senso non ce l’ha.. "
"..No! Quest'è un Amore Grande si vuoi che ti dica così ma io non sono come te Ciao! sai cosa ti dico.....CIAO! posso stare....senza Te... senza più tanti "se".... senza tanti "ma", "perché"! senza un "amore" ...così...... io posso stare.....Sì!.... "
"..Voglio vivere come se come se tutto il mondo...fosse... fosse FUORI..e Voglio ridere come se come se ridere di per sé bastasse già; a risolvere...gli ERRORI.. "
"..sorridi e abbassi gli occhi un istante e dici "non credo di essere così importante" ma dici una bugia e infatti scappi via.."

JENNY E' PAZZA

Jenny non vuol più parlare non vuol più giocare vorrebbe soltanto dormire Jenny non vuol più capire sbadiglia soltanto non vuol più nemmeno mangiare Jenny è stanca Jenny vuole dormire Jenny è stanca Jenny vuole dormire Jenny ha lasciato la gente a guardarsi stupita a cercar di capir cosa Jenny non sente più niente non sente le voci che il vento le porta Jenny è stanca Jenny vuole dormire Jenny è stanca Jenny vuole dormire Io che l'ho vista piangere di gioia e ridere che più di lei la vita credo mai nessuno amò io non vi credo lasciatela stare voi non potete Jenny non può più restare portatela via rovina il morale alla gente Jenny sta bene è lontano...la curano forse potrà anche guarire un giorno Jenny è pazza c'è chi dice anche questo Jenny è pazza c'è chi dice anche questo Jenny ha pagato per tutti ha pagato per noi che restiamo a guardarla ora Jenny è soltanto un ricordo qualcosa di amaro da spingere giù in fondo Jenny è stanca Jenny vuole dormire Jenny è stanca Jenny vuole dormire Jenny è stanca Jenny vuole dormire

OGNI VOLTA

E ogni volta che viene giorno ogni volta che ritorno ogni volta che cammino e mi sembra di averti vicino ogni volta che mi guardo intorno ogni volta che non me ne accorgo ogni volta che viene giorno. E ogni volta che mi sveglio ogni volta che mi sbaglio ogni volta che sono sicuro e ogni volta che mi sembra solo ogni volta che mi viene in mente qualche cosa che non c'entra niente ogni volta...E ogni volta che non sono coerente e ogni volta che non è importante ogni volta che qualcuno si preoccupa per me ogni volta che non c'è proprio quanto la stavo cercando ogni volta... ogni volta quando.... E ogni volta torna sera e la paura e ogni volta torna sera e la paura....E ogni volta che non c'entro ogni volta che non sono stato ogni volta che non guardo in faccia a niente e ogni volta che dopo piango ogni volta che rimango con la testa tra le mani e rimando tutto a domani.

LA RAGAZZA INTERROTTA - Susanna Kaysen

"Non uno, ma tre, sono i Vermeer al Frick. La prima volta che ci sono stata, però, non ho fatto caso agli altri due.[…] Non mi fermai davanti alla signora in veste da camera gialla e alla domestica che le porta una lettera e neppure davanti al soldato con il cappello sfarzoso e alla ragazza che gli sorride: immaginavo calde labbra, occhi castani, occhi azzurri. Quegli occhi castani mi catturarono.Lo sguardo della ragazza punta fuori dal riquadro del dipinto, ignorando il robusto maestro di musica, che poggia la dispotica mano sulla sedia. La luce è smorzata, luce invernale, ma il volto della ragazza è acceso.La fissai negli occhi castani e indietreggiai. Mi stava mettendo in guardia da qualcosa: aveva distolto lo sguardo dalla sua occupazione per mettermi in guardia. La bocca era appena aperta, come se avesse appena respirato solo per dirmi: «Non farlo!»Mi ritrassi, nel tentativo di tenermi fuori dal raggio della sua premura, che tuttavia riempiva il corridoio. «Aspetta», diceva. «Aspetta! Non andare!»Sedici anni dopo ero a New York col mio nuovo, ricco fidanzato.[…][…] «Andiamo al Frick», disse lui.«Non ci sono mai stata», feci io. Poi pensai che forse c'ero stata. Non dissi niente, avevo imparato a non parlare dei miei dubbi.Arrivai lì, lo riconobbi. «Ah», dissi. «Qui c'è un quadro che mi piace.»«Solo uno?» disse lui. «Guarda questi Fragonard.» Non mi piacevano. Mi lasciai i Fragonard alle spalle ed entrai nella sala che porta al cortile.Lei era cambiata molto in sedici anni. Non era più premurosa. Anzi, era triste. Era giovane e distratta, e il suo maestro la incalzava perché gli prestasse attenzione. Ma lei guardava lontano, alla ricerca di uno sguardo che incontrasse il suo.Stavolta lessi il titolo del quadro: Ragazza interrotta mentre suona.Interrotta mentre suona: com'era stata la mia vita, interrotta nella musica dei miei diciassette anni, com'era stata la sua vita, strappata e fissata su tela: un momento reso immobile, per tutti gli altri momenti, qualsiasi cosa fossero o avrebbero potuto essere. Quale vita può guarirne?Adesso avevo qualcosa da dirle. «Ti vedo», dissi.Il mio fidanzato mi trovò che piangevo nel corridoio.«Cos'è successo?» domandò.«Ma non vedi, lei sta cercando di venirne fuori», dissi, indicandola.

Il tempo perso

Sulla porta dell'officina
d'improvviso si ferma l'operaio
la bella giornata l'ha tirato per la giacca
e non appena volta lo sguardo
per osservare il sole
tutto rosso tutto tondo
sorridente nel suo cielo di piombo
fa l'occhiolino familiarmente
Dimmi dunque compagno Sole
davvero non ti sembra che sia un pò da coglione
regalare una giornata come questa ad un padrone?
Jacques Prevert