La vita dovrebbe essere vissuta al contrario.Tanto per cominciare si dovrebbe iniziare morendo, e così tricchete tracchete il trauma è bello che superato.Quindi ti svegli in un letto di ospedale e apprezzi il fatto che vai migliorando giorno dopo giorno.Poi ti dimettono perché stai bene e la prima cosa che fai è andare in posta a ritirare la tua pensione e te la godi al meglio.Col passare del tempo le tue forze aumentano, il tuo fisico migliora, le rughe scompaiono.Poi inizi a lavorare e il primo giorno ti regalano un orologio d’oro.Lavori quarant’anni finchè non sei così giovane da sfruttare adeguatamente il ritiro dalla vita lavorativa.Quindi vai di festino in festino, bevi, giochi, fai sesso e ti prepari per iniziare a studiare.Poi inizi la scuola, giochi con gli amici, senza alcun tipo di obblighi e responsabilità, finchè non sei bebè.Quando sei sufficientemente piccolo, ti infili in un posto che ormai dovresti conoscere molto bene.Gli ultimi nove mesi te li passi flottando tranquillo e sereno, in un posto riscaldato con room service e tanto affetto, senza che nessuno ti rompa i coglioni.E alla fine abbandoni questo mondo in un orgasmo.
-Woody Allen-

QUOD ME NUTRIT ME DESTRUIT

mercoledì 31 gennaio 2007

sogni

"Vita e sogni sono fogli di uno stesso libro:
leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare."
Arthur Schopenhauer (1788-1860), filosofo tedesco

martedì 30 gennaio 2007

Jack Frusciante è uscito dal gruppo


"...dimmi se questo è l'inizio stupendo di una storia stupenda"

Harry Potter

silente-"è inutile rifugiarsi nei sogni e dimenticarsi di vivere..."
(da "Harry Potter e la pietra filosofale")

LA TIGRE E LA NEVE


"Se muore lei, per me tutta questa messa in scena del mondo che gira... posso anche smontare, portare via, schiodare tutto, arrotolare tutto il cielo e caricarlo su un camion col rimorchio, possiamo spengere questa luce bellissima del sole che mi piace tanto... ma tanto... lo sai perchè mi piace tanto? Perchè mi piace lei illuminata dalla luce del sole, tanto... portar via tutto questo tappeto, queste colonne, questo palazzo... la sabbia, il vento, le rane, i cocomeri maturi, la grandine, le 7 del pomeriggio, maggio, giugno, luglio, basilico, le api, il mare, le zucchine... le zucchine..."

Flashdance

"chi rinuncia ai propri sogni è destinato a morire."

FINALMENTE!!!


"voglio vivere cosiiiiiiiiii col sole in fronteeeee....e felice cantooooooooooo beatamenteeeeee....."
Basta a far capire quanto sono felice oggi?

Non importa se il lavoro è un caos,se mi sono alzata tardi e ho dovuto fare le corse,se son dovuta andare alla posta e come sempre ho fatto una mega fila...niente ha un peso stamattina...solo i miei muscoli indolenziti dalla lezione di ieri sera.

Stanca ma felice.

lunedì 29 gennaio 2007

il desiderio del cuore

"E' difficile combattere con il desiderio del proprio cuore.
Tutto ciò che desidera lo compera al prezzo dell'anima."
Eràclito (540-480 a.C.), filosofo greco.

la felicità

"La felicità è nascosta dappertutto. Basta scovarla."

danza3

danza2

E' difficile spiegare cosa sia la danza perchè quando si balla si prova una gioia talmente grande che niente al mondo può essere uguale...

Un giorno ho sospirato... e sono stata travolta da una sensazione che ha colpito il mio corpo... stavo ballando..

danza


Ho deciso.Si oggi tornerò a danza.
Devo farlo,è quello il solo posto dove posso tornare ad essere felice.Per quanto sia circondata da persone che mi amano, non c'è niente come la danza che mi rende forte e felice.
Non so come spiegarlo, entrare a scuola,mettersi le calze rosa,il body,le mezze punte, raccolgiere i capelli, entrare in sala, inspirare l'odore del parquet,della pece, toccare il caldo legno della sbarra,specchiarsi mentre le gambe vanno avanti e indietro,su e giu, veder tendere piedi,allungare i muscoli,tendere le gambe..e poi la musica...i pianoforti i violini che suonano per noi..

Non posso rinunciare a tutto questo.Non ancora.

il ritratto di Dorian Gray


"L'anima mia mandai negli altri spazi i misteri a scoprir ed ella a me tornò così dicendo: io sono il Paradiso e son l'Inferno."

sabato sera

MOMIX
SUN FLOWER MOON
UNO SPETTACOLO DI MOSES PENDLETON
Tornano in Italia dopo il grande successo delle due stagioni precedenti per accontentare il grande pubblico in
una tournée che toccherà le principali città italiane Sun Flower Moon, l’ultima creazione di Moses Pendleton presentata in occasione del 25mo anniversario (2005) del suo gruppo di danza MOMIX, è "una serata di sovvertimenti e di seduzioni visuali concentrate" (Vittoria Ottolenghi), in cui affascinanti oggetti cosmici, tutti inventati, guizzano e fluttuano nel metafisico Mare lunare. E’ attraverso un repertorio di magie e di astuzie visuali che Moses Pendleton marcia impavido verso il diverso, l’altro, l’oltre: il super-umano, il sub-umano, il mondo animale, il vegetale, la atura desertica, il paesaggio cosmico.
In questo nuovo show i tre elementi che compongono il titolo rimandano ciascuno ad un elemento dello spettacolo. A partire dal sole, dai fiori e dalla luna, Pendleton crea ancora una volta spettacolari giochi di luce e dinamiche fantasmagoriche, facendo apparire corpi che volano, nuotano, si scompongono e si ricompongono, parti di un universo misterioso in cui gli elementi della natura fluttuano l’uno nell’altro. Il balletto suggerisce l’idea di uno spazio "altro", di una gravità diversa da quella terrestre. Il senso di un mondo lontano, popolato da esseri immaginari che si avventurano in luoghi inesplorati.
In Sun Flower Moon Pendleton si serve della tecnica del "teatro nero", con immagini in movimento repentino e rotazioni ipnotiche, come in un caleidoscopio. I danzatori sono invisibili, quasi immateriali, la loro identità resta celata sotto l’efficacia delle immagini. Complice l’illusione ottica della luminotecnica e delle immagini video. E’ un invito alla fuga dal mondo reale e un tuffo nella magia del mistero.

venerdì 26 gennaio 2007

l'amore


e...


SNORKY




NOI SNORKY INCONTRERAI

Sott’acqua una città speciale c’è
Chissà dov’è e chi ci sta?
Noi Snorky incontrerai, se tu quaggiù, Nel mare blu, ti tufferai.
Nel mare vi ho cercati ma non vi ho Visti no questo non va!
Noi Snorky siam piccini sai e così Lì per lì non ci vedrai, ma poi ci troverai!
Snorky, Snorky!
Siete tutti amici e perciò felici, Senza dei nemici state, Snorky, Snorky!
Dentro al vostro cuore, batte il buon umore Che vi da felicità!
Snorky, Snorky! Siamo tutti amici e perciò felici, Senza dei nemici stiamo, Snorky, Snorky!
Dentro al nostro cuore, batte il buon umore Che ci da felicità!
Vi cerco ancora un po’, se poi però Mi perderò, che mai farò?
Superstellino sai ti troverà e Guiderà di nuovo qua!
Voi Snorky siete amici miei E perciò io lo so che vi vedrò!
Noi Snorky siamo amici tuoi e quaggiù, guarda tu che ci vedrai: trovati tu ci hai!
Snorky, Snorky! Siete tutti amici e perciò felici, Senza dei nemici state, Snorky, Snorky!
Dentro al vostro cuore, batte il buon umore Che vi da felicità! Snorky, Snorky!
Siamo tutti amici e perciò felici, Senza dei nemici stiamo, Snorky, Snorky!
Dentro al nostro cuore, batte il buon umore Che ci da felicità!
Siete tutti amici e perciò felici, Senza dei nemici state, Snorky, Snorky!
Dentro al vostro cuore, batte il buon umore Che vi da felicità!
Snorky siamo noi! Snorky siamo noi!
Dai, dai dai!

...


Harry ti presento Sally


«Adoro il fatto che tu abbia freddo quando fuori ci sono 25 gradi. Adoro il fatto che ci metti un'ora e mezzo per ordinare un panino. Adoro la piccola ruga che ti si forma sul naso quando mi guardi come se fossi matto. Adoro il fatto che dopo aver passato una giornata con te, possa ancora sentire il tuo profumo sui miei vestiti. E adoro il fatto che tu sia l'ultima persona con la quale voglio parlare prima di addormentarmi la notte. Non è che mi senta solo, e non c'entra il fatto che sia Capodanno. Sono venuto qui stasera perché quando ti rendi conto che vuoi passare il resto della tua vita con una persona, vuoi che il resto della tua vita inizi il prima possibile».

alice nel paese delle meraviglie

Guarda in su! Appropinquati! E non intrecciare le dita!!! Raddrizza quei piedi! Riverenza! Apri la bocca un po' di più e di' sempre "Sìììììì Maestade"

Biagio, ragazzo mio, sei mai sceso in un camino?... Lucerto, Eccellenza, sono sceso in più camini io... Magnifico, magnifico! Allora infilati in quello e tira fuori quel mostro... Agli ordini, Capitano! Mostro? Aiuto!!!

Il coccodrilletto nel fiume un di' discese e a nuotar sorprese di pesci un bel gruppetto. E tutto... e tutto... e tutto arcigiulivo gli artigli suoi arrotò, dischiuse poi le fauci e i pesci si mangiò

A proposito: se proprio vuoi saperlo, è andato da quella parte... Chi?... Il Bianconiglio!... Davvero?... Davvero cosa?... E' andato di là... Ma chi?... Oh, il coniglio bianco... Quale coniglio?... Ma non ha detto lei poco fa, cioè, oh cielo!

Suvvia, mia cara, non ti piace il the?... Ma sì, mi piace moltissimo ma... Se non ti piace il the, portesti fare un po' di conversazione... Veramente cercavo di chiedervi... Ho un ottima idea: cambiamo argomento!

Oh, una libellula... ehm, volevo dire una... una caval-libellula... Una dondo-libellula!

Qualche testa rotolerà per questo: la tua!!!

In quanto a Voi, Maestade... Maestà... Maesta, poi... Ah, non siete una regina: non siete altro che una grassa, pomposa, bisbetica vecchia ti... tiranna...

Attenta piccola: se io perdo le staffe, tu perdi la testa! Siamo intesi?

Leggi le direttive e arriverai diretta dritta dritta nella diritta direzione!
Brucaliffo:"cosa...essere... tuuuuu??

mercoledì 24 gennaio 2007

l'arte


"Ama l'arte; fra tutte le menzogne è ancora quella che mente di meno."
Gustave Flaubert (1821-1880), scrittore francese

manuale di parcheggio


ieri ho trovato questo video....troppo forte!!!!




eheheheheheheh....

Must di primavera


Il verde declinato in tutte le nuance sarà un must in primavera. Perchè, dunque, non provvedere all’approvvigionamento di sandali, borse e accessori per tempo? Per non rischiare di arrivare impreparate all’appello, questi sandali di Kenneth Cole sono perfetti. Sono realizzati in vernice e suede in due gradazioni di verde.

bag


Marc Jacobs canvas bag
Chiusura retrò e inserti in pitone colorato intorno alla tasca per questa borsa firmata Marc Jacobs in canvas bianco latte. E’ ragionevolmente piccola (misura soltanto 23 centimetri) e presenta un gradevole abbinamento cromatico del turchese con i dettagli in oro. Il prezzo? 520.00 £

martedì 23 gennaio 2007

magda tu mi ami? e allora lo vedi che la cosa è reciproca?!


FURIO- Pronto, parlo col servizio percorribilità strade? buongiorno io sono un socio ACI numero di tessera 917655/ UT come Udine Torino. la disturbavo perchè vorrei qualche delucidazione dato che mi devo recare a Roma per votare. senta, ho sentito dal bollettino dei naviganti che è in arriva un'aria depressionale di 982 millibar, e questo mi è anche confermato da un fastidiosissimo mal di testa che sopraggiunge ogni qual volta c'è un brusco calo di pressione, d'altro canto caro amico questo è il prezzo che dobbiamo pagare noi metereopatici. senta, io le domandavo questo, secondo lei partendo fra circa tre minuti e mantenendo una velocità di crociera di circa 80-85 kmh, secondo lei faccio in tempo a lasciarmi la perturbazione alle spalle diciamo nei pressi di Parma?

A.C.I.- Ma va a cagar!

FURIO-pronto...pronto...ACI pronto?! che strano...deve essere caduta la linea....

MANUALE D'AMORE 2 - capitoli successivi


TRAMA:

Il primo episodio - L' Eros - ha per protagonista Nicola, un affascinante ragazzo sui 25 anni travolto da una passione viscerale per Lucia che diventa una vera e propria ossessione erotica: il suo sogno proibito, il suo desiderio inconfessabile.
Il secondo episodio - La Maternità - è la tragicomica odissea di Franco e Manuela, una giovane coppia che per avere un figlio è costretta a ricorrere alla fecondazione assistita.
Protagonisti del terzo episodio – Il matrimonio - sono Fosco e Filippo, una giovane coppia gay che matura la decisione di sposarsi in Spagna.
L'ultimo episodio - L' amore estremo - ha per protagonista Ernesto, un uomo di cinquanta anni con una moglie rassegnata, una figlia burina e una vita noiosa. Ma a sconvolgere la routine arriva Cecilia, ventotto anni, un ciclone di vitalità e bellezza.

CAST:
Nicola : Riccardo Scamarcio
Manuela : Barbora Bobulova
Lucia : Monica Bellucci
Fulvio : Claudio Bisio
Franco : Fabio Volo
Fosco : Sergio Rubini
Filippo : Antonio Albanese
Ernesto : Carlo Verdone
Cecilia : Elsa Pataky

Regia: Giovanni Veronesi


SEMPLICEMENTE STUPENDO.

lunedì 22 gennaio 2007

Elisa


Eppure Sentire (Un Senso Di Te)
A un passo dal possibile
A un passo da te
Paura di decidere
Paura di me
Di tutto quello che non so
Di tutto quello che non ho
Eppure sentire
Nei fiori tra l'asfalto
Nei cieli di cobalto - c'è
Eppure sentire
Nei sogni in fondo a un pianto
Nei giorni di silenzio -
c'è un senso di te
mmm...mmm...mmm...mmm...
C'è un senso do te
mmm...mmm...mmm...mmm...
Eppure sentire
Nei fiori tra l'asfalto
Nei cieli di cobalto
- c'è Eppure sentire
Nei sogni in fondo a un pianto
Nei giorni di silenzio
- c'è Un senso di te
mmm...mmm...mmm...mmm...
C'è un senso di te
mmm...mmm...mmm...mmm...
Un senso di te
mmm...mmm...mmm...mmm...
C'è un senso di te

..sogni..

" Se puoi sognarlo,puoi farlo . "
Walt Disney

che grande invenzione..SKY!


Finalmente da venerdi anche noi abbiamo SKY...praticamente dopo 48 ore sento di aver già bisogno di disintossicarmi!
Basti sapere che da venerdi sera ho visto:
  • dott.House
  • Friends
  • C.S.I. Miami
  • Fashion tv
  • Tv Moda (sfilate varie)
  • Nationale geog (Documentari vari)
  • cartoni animati
  • Alice ne l paese delle meraviglie
  • ti amo in tutte le lingue del mondo
  • 1/4 di Harry Potter e il calice di fuoco
  • Arancia Meccanica
  • Amici
  • Sabrina
  • Simpson
  • Griffin
  • .....eccc.....

...basta?No nn credo ma nn ricordo altro..indigestione di tv...hiihihihihiii...ADOOOOROOO!


giovedì 18 gennaio 2007

pablo picasso


Girl Before a Mirror

(Ragazza di fronte allo specchio, 1932, olio su tela, Museum of Modern Art, New York).


Qui siamo di fronte ad una sconcertante vitalità di colori e di forme che si rincorrono, si richiamano, e si ricompongono, come in una esaltante sinfonia. La fantasia ed il genio di Picasso si lascia tentare da uno dei soggetti più noti della pittura, la donna di fronte allo specchio, che è ancora Marie Therèse. La figura allo specchio pone naturalmente il problema della riflessione, non solo della luce e dell'immagine, ma a un genio di artista-pensatore come Picasso, anche il problema della riflessione su di sé e della autocoscienza.
Nello specchiera ovale della fine degli anni venti, sostenuta da colonnine laterali, Marie Therèse, la figura reale, non soltanto vede, ma sembra voler abbracciare se stessa. In quel groviglio di forme e di colori che è il quadro vediamo, nel braccio sinistro di Marie Therèse levato in alto, che afferra l'estremità destra dello specchio, l'asta che sorregge l'ovale; questo braccio si riflette in una striscia color lilla, circondata di azzurro; l'azzurro è naturalmente là per simboleggiare la luce che si riflette nello specchio, ovvero il fatto che lo specchio incolore riflette il cielo, e lo troviamo anche abbondantemente in tutto lo specchio; ma è anche il blu dell'arcobaleno, che Picasso sempre associa a Marie Therèse. Questo blu circonda infatti il braccio color lilla, il volto color rosso e lilla e tutta la parte destra del corpo dell'immagine riflessa, fino all'addome. Ma, oltre al tema dell'arcobaleno, avvertiamo una strana corrispondenza di colori, oltre che di forme, tra l'immagine reale e l'immagine riflessa. Infatti al blu ed al lilla dello specchio, è mescolata una striscia verde che circonda il capo dell'immagine riflessa: sono i capelli di Marie Therèse, che nell'immagine reale sono biondi; questa striscia termina in una pera verde posata sul capo. Il lilla chiaro quasi bianco del braccio diventa lilla acceso nel quadro, e così pure il lilla quasi bianco del viso dell'immagine reale diventa lilla acceso e rosso nell'immagine riflessa. Nella riflessione dello specchio tutto è più acceso e più forte, più carico di rosso; per questo i capelli biondi diventano verdi, il lilla chiaro diventa fucsia o violetto, ma anche più cupo, per la presenza del blu. Il rosso ed il blu formano il tema dell'immagine riflessa, e si contrastano infatti palesemente nella parte inferiore dello specchio. E di tutto ciò dobbiamo chiederci il significato.
Ma passiamo ora alla corrispondenza delle forme. Al centro del quadro abbiamo un singolare incrociarsi del braccio destro della figura di fronte allo specchio con la figura riflessa nello specchio; il braccio destro è reduplicato nella figura reale; infatti esso è costituito anzitutto da strisce rosse verticali su fondo nero, come se nelle braccia Marie Therèse indossasse una maglietta a strisce. Ma in realtà, poiché questo braccio parte dal collo di Marie Therèse e sostiene il suo seno prosperoso, vediamo che queste strisce rosse sono le costole dello sterno, che si prolungano a forma di braccio fino allo specchio, e formando così come una lunetta che sostiene il seno; all'estremità di questa lunetta parte un'altra lunetta a strisce rosse, che dà l'illusione di essere l'immagine riflessa del braccio di Marie Therèse, una illusione nella illusione, poiché non si tratta del rispecchiamento del braccio, ma delle ossa dello sterno. In realtà nello stesso punto in cui queste due lunette si incontrano, inizia il braccio destro della figura reale, anch'esso in lilla chiaro, che afferra l'altra asta della specchiera, come il sinistro, ma sembra in realtà voler abbracciare la propria immagine riflessa. Questo braccio però è come tagliato a metà, e l'altra metà di esso, di un color lilla acceso, è il reale braccio della figura riflessa, che sembra a sua volta voler abbracciare l'immagine reale. Tutto sembra a prima vista estremamente sconnesso, come negli ultimi quadri di Cezanne, eppure tutto è estremamente connesso e studiato, fin nei minimi particolari delle linee e del colore, per formare un linguaggio iconico.
4
Il braccio color lilla termina infatti in una striscia verde, che si protrae oltre lo specchio, e va quasi a raggiungere una sfera verde posta sopra il seno della figura reale: una mela? Un'immagine della vita che l'immagine riflessa non può raggiungere? Il seno dell'immagine riflessa è un seno cadente, al disotto del braccio, o delle ossa dello sterno. Ma dobbiamo ancora esaminare il resto della figura per poter dare un giudizio su queste corrispondenze. L'immagine reale è costituita poi dal corpo di Marie Therèse visti di profilo e tagliato in due, la parte superiore destra leggermente verde, a strisce orizzontali nere; queste rappresentano come risulta anche da altri quadri, le costole della schiena. La parte destra è in lilla chiaro, come il viso, e ritrae l'addome, abbastanza gonfio; una sfera al centro della parte inferiore, dallo spesso contorno nero sulla destra (sul lilla) e leggermente nero e verde sulla destra, è una chiara rappresentazione dell'embrione portato in grembo, della maternità. Questo viene ripetuto nella immagine riflessa, ma come il seno in questa sembra essere cascante, al di sotto delle ossa dello sterno, così qui anche l'addome in cui si riconosce chiaramente l'embrione materno, appare cadente.
Infine, guardiamo il viso di Marie Therèse reale; esso è visto di profilo, ed è circondato da una aureola chiara e dall'altra metà del viso che è di un giallo intenso con una macchia rossa; cioè, l'altra metà del viso, che Picasso cerca sempre di cogliere oltre il profilo, è come un sole splendente. Che cosa vediamo invece nell'altra immagine? Qui la fronte è dipinta di rosso, colore complementare al verde dei capelli, e del frutto che è posato sulla sua fronte, e corrisponde alla mela sul seno della figura reale; e questo rosso continua fin sull'occhio e sulla prima parte del naso, poi finisce in un segno circonflesso, come in una lacrima al di sotto dell'occhio. È questo rosso segno del pudore che Marie Therèse prova di fronte alla propria immagine nuda? Od è solo una corrispondenza del rosso fuoco del sole che troviamo nella seconda metà del viso della figura reale? È un riflesso del fulgore della vita e della maternità della donna, od è semplicemente una lacrima che le scorre sul viso, al pensiero della maternità? Un pensiero che implica certamente gioia, ma anche la fatica della maternità, e la conseguente messa alla prova del proprio corpo e della propria bellezza, che ora Marie Therèse vede riflessa nello specchio? È il pensiero che il suo corpo invecchierà e diverrà cadente dopo aver deposto il frutto della vita, a produrre questa lacrima, ed i toni marcatamente più violenti e più cupi dell'immagine riflessa vogliono indicare tutto questo? Così che mentre la figura reale si protrae ad abbracciare al figura riflessa, cioè il proprio futuro, la vita che verrà, riceve da questa indietro una lacrima di tristezza?
Il quadro ci lascia ben aperta, anzi secondo noi in modo abbastanza indicativo, queste possibilità di lettura, soprattutto per un particolare iconico: il frutto che è sopra il naso della immagine allo specchio, cioè nella sua testa, il bambino, corrisponde al frutto, la mela verde che si trova sopra il senso rigoglioso della figura reale di Marie Therèse: l'immagine riflessa è in realtà non la semplice riflessione dello specchio, ma la riflessione della nostra coscienza, che ci restituisce attraverso il pensiero, in questo caso il pensiero del futuro, l'immediatezza della realtà; ma quel che la riflessione ci restituisce è una realtà trasformata, carica di tutte le conseguenze future che il pensiero porta con sé, in questo caso le conseguenze della rigogliosità della vita e della bellezza di Marie Therèse, e cioè le conseguenze della maternità. Questo è quanto Picasso, a nostro modo di vedere, ci vuol significare, adoperando il tema tradizionale della donna allo specchio; e per farci intendere tutto questo egli deve adoperare dei nuovi mezzi espressivi, che parlino in modo più diretto, che significhino, come delle icone, quel che egli vuol dire nella rappresentazione, poiché il linguaggio di questa non ha un suo significato proprio, pari a quello del linguaggio fonico convenzionale. L'icona infatti indica in modo immediato, più direttamente della immagine simbolica, e quasi come il segno fonico, quel che essa vuol significare. Non si tratta dunque semplicemente di trasformazione del soggetto rappresentato, ma di trasformazione di sé, dei propri mezzi espressivi, che egli ritiene necessari per poter spiegare quello che il quadro tradizionale non avrebbe mai potuto esprimere, certo non in modo intellettualistico, ma con tutta la forza inventiva della sua fantasia e la ricchezza degli accordi di colore della sua sensibilità pittorica.

Salvador Dalì


Metamorphosis Of Narcissus


GF



..e allora ditelo che dobbiamo deprimerci!!!
Stasera seratona GF, da tvspazzaturadipendente quale sono, stasera mi sparerò la prima serata del nuovo GF..speriamo in altrettanta bellezza nella parte maschile del programma o come al solito saremo costretti a sorbirci supermegamodels e scarsissimi uomini...besos

il mio abito da sposa...


la parrucchiera mi ha chiesto una foto del vestito per farla vedere ad una signora,vuole anche sapere dove l'ho comprato...non c'è niente da fare ormai faccio scuola....very fashion...hihihihihi....

Adoro questo abitooooooooo..che ingiustizia poterlo indossare un solo giorno!!!!!

martedì 16 gennaio 2007

fine


finalmente sono arrivata alla fine di questa giornata assurda!

Con la super Pina nelle orecchie saluto tutti e me ne vado a cena da mamma...eh si ogni tanto la bimba coccolona e mammona che è in me esce fuori e PRETENDE di stare con mamma e babbo almeno qualche ora...dopo via di corsa a casa,doccia,lavata di capelli e ...non so ancora cosa guardare alla tv..dubbio amletico:RIS3 o desperate?mahhh...chi vivrà vedrà...besos

la leggenda di Al, Jhon e Jack


Johnny: "Basta Jack! Adesso andiamo a prendere questa vecchia, la portiamo in giro per la città, la facciamo divertire, la portiamo da Tiffany, la portiamo a prendere il té con le cassatelle e alle 5 precise, cascasse il mondo siamo davanti allo stardust, ok?! "

Jack: "Sai una cosa Johnny? Mi hai convinto, andiamo a prendere questa minchia di vecchia."

Johnny: "Allora non diciamo volgarità, siamo gentili e soprattutto non diciamo vecchia. Ok, Jack? Ok? "

Al: "E allora andiamo a prendere questa teenagers."

alien


la vita


"La vita non è perfetta:le vite nei film sono perfette.
Belle o brutte, ma perfette.
Nella vita non ci sono tempi morti, mai."
(dal film Non ti muovere)

genio

"Non è che ho paura di morire. Solo che non voglio esserci quando accadrà."

"L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande."

"Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile."

"Amo la pioggia, lava via le memorie dai marciapiedi della vita."

"I politici hanno una loro etica. Tutta loro. Ed è una tacca più sotto di quella di un maniaco sessuale."

pausa pranzo


che dire?adoro pranzare col mio bellissimo maritino!

Oggi come già ripetutamente detto, giornata pessima, sarei dovuta tornare a pranzo a casa e sorbirmi vicino e idraulico in giro per casa, con quelle scarpacce luride di fango (proveniente dal giardino) che passeggiano sul mio bellissimo tappeto viola...grrrr!!

Decisione dell'ultimo minuto:pranzare col marito...adddoooorroooooo!!!Tutto di corsa è vero ma sicuramente la cosa più rilassante della giornata..dopo un ora son di nuovo a lavoro e tanto per rimanere in linea con questa Splendida Giornata chiamo la dottoressa e non risponde, chiamo l'estetista per il bagno turco e mi dice che è influenzata, chiamo la commercialista e non risponde, passano 2 minuti e chi ti arriva?Il capo...della serie il tempismo è il mio mestiere!


Besos

abbiate sempre il coraggio di dire ciò che pensate...


la famiglia cuore


Momento di delirio in ufficio, la mia collega mi ha appena ricordato un giocattolo degli anni '80 che non so perchè avevo rimosso...la stupenda Famiglia Cuore!!!Hihihihihi...

Per chi non ne ha rimembranza la Famiglia Cuore era uno stupendo stereotipo di famiglia composta da padre,madre,gemellini(maschio e femmina ovviamente),nonni e addirittura il cane!!


In questa giornata iniziata in modo pessimo solo la Famiglia Cuore poteva farmi ridere cosi tanto!!!
-------------------------------------

Scheda Tecnica :
Nome : Famiglia Cuore
Anno : 1986
Casa di Produzione : Mattel
Distribuzione Italiana: Mattel

metereopatia



Ecco te pareva..doveva arrivare alle 11 e invece…eccolo qui!Già rompic… a sufficienza di mattinata..
Come se non bastasse fuori c’è un tempo pessimo,nuvoloso ma senza pioggia…l’inferno per chi come me è “lievemente”(in senso ironico ovviamente) meteropatico..la giornata inizia male!
Confido in un risvolto positivo più tardi..ottimo sarebbe se quell’esaurita della mia estetista rispondesse e io riuscissi a prendere un appuntamento per il bagno turco di stasera…aaahhh sarebbe proprio l’ideale!!!
Provo a lavorare..ma non garantisco niente..in caso contrario ritornerò a riempire il blogghino…besos






P.S.: ritiro tutto..è andato ora all'appuntamento e non tornerà prima di un oretta... ; )

lunedì 15 gennaio 2007

si dice che..

...chi ama meno è meno fragile..
...tutti dicono così...

il matrimonio


dal film CASOMAI..

Stefania si esprime con un’immagine poetica: il matrimonio, secondo lei, somiglia a due pattinatori sul ghiaccio:

Certe volte m’incanto a guardare al televisione quando ci sono le gare di pattinaggio artistico sul ghiaccio... e in genere sono coppie. Mi affascinano perché, nonostante siano su quelle lame così instabili, su un terreno scivoloso, mi danno sempre la sensazione di un’intesa perfetta”.

Pulp fiction


Ezechiele 25.17: il cammino dell'uomo timorato è minacciato da ogni parte dalle iniquità degli esseri egoisti e dalla tirannia degli uomini malvagi. Benedetto sia colui che nel nome della carità e della buona volontà conduce i deboli attraverso la valle delle tenebre; perché egli è in verità il pastore di suo fratello e il ricercatore dei figli smarriti. E la mia giustizia calerà sopra di loro con grandissima vendetta e furiosissimo sdegno su coloro che si proveranno ad ammorbare ed infine a distruggere i miei fratelli. E tu saprai che il mio nome è quello del Signore quando farò calare la mia vendetta sopra di te.

(Jules Winnfield)

moon river

Moon River wider than a mile,
I'm crossing you in style someday.
Oh, dream maker, you heartbreaker,
wherever you're going I'm going your way.
Two drifters off to see the world,
there's such a lot of world to see.
We're after the same rainbows end,
and waiting round the bend,
my huckleberry friend,
Moon River, and me.

VIVERE

VIVERE!
è passato tanto tempo
VIVERE!
è un ricordo senza tempo
VIVERE!
è un po' come perder tempo
VIVERE....e Sorridere dei guai così come non hai fatto mai
e poi pensare che domani sarà sempre meglio
OGGI NON HO TEMPO OGGI VOGLIO STARE SPENTO!

- Vasco Rossi -

...


"Perché è così che ti frega la vita. Ti piglia quando hai ancora l'anima addormentata e ti semina dentro un'immagine, o un odore, o un suono che poi non te lo togli più. E quella lì era la felicità. Lo scopri dopo, quando è troppo tardi."

Alessandro Baricco

hikmet

" Il più bello dei mari è quello che non navigammo.
Il più bello dei nostri figli non è ancora cresciuto.
I più belli dei nostri giorni non li abbiamo ancora vissuti.
E quello che vorrei dirti di più bello non te l'ho ancora detto. "
Nazim Hikmet

La moda è ciò che uno indossa. Ciò che è fuori moda è ciò che indossano gli altri

La moda è ciò che uno indossa. Ciò che è fuori moda è ciò che indossano gli altri
(O.Wilde)

WOODY ALLEN

Fino all'anno scorso avevo un solo difetto: ero presuntuoso.
Il mondo si divide in buoni e cattivi. I buoni dormono meglio ma i cattivi, da svegli, si divertono molto di più.
Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile.
Saggio è chi riesce a vivere inventandosi le proprie illusioni.
Fare sesso è come giocare a bridge. Se non hai un buon partner, meglio che tu abbia una buona mano!
Il sesso è sporco? Solo quando è fatto bene.
"Non sono narcisista, ne' egoista. Se fossi vissuto nell'antica Grecia non sarei stato Narciso"
"E chi saresti stato?"
"Giove"

ODE AL GIORNO FELICE - Pablo Neruda

Questa volta lasciate che sia felice,non è successo nulla a nessuno,non sono da nessuna parte,succede solo che sono felicefino all’ultimo profondo angolino del cuore. Camminando,dormendo o scrivendo,che posso farci, sono felice.sono più sterminato dell’erba nelle praterie,sento la pelle come un albero raggrinzito,e l’acqua sotto,gli uccelli in cima,il mare come un anello intorno alla mia vita,fatta di pane e pietra la terral’aria canta come una chitarra.Tu al mio fianco sulla sabbia, sei sabbia,tu canti e sei canto,Il mondo è oggi la mia animacanto e sabbia,il mondo oggi è la tua bocca,lasciatemi sulla tua bocca e sulla sabbiaessere felice,essere felice perché si,perché respiro e perché respiri,essere felice perché tocco il tuo ginocchioed è come se toccassi la pelle azzurra del cieloe la sua freschezza.Oggi lasciate che sia felice, io e basta,con o senza tutti, essere felice con l’erbae la sabbia essere felice con l’aria e la terra,essere felice con te,con la tua bocca,essere felice.
Ed è proprio quello che non si potrebbe quello che vorrei, ed è sempre quello che non si farebbe quello che farei,ed è come quello che non si direbbe che direi quando dico che non è cosi il mondo che vorrei non si può sorvolare le montagne non può andare dove vorresti andare sai cosa c’è ogni cosa resta qui qui si può solo piangere e alla fine non si piange neanche più ed è proprio quando arrivo lì che già ritornerei ed è sempre quando sono qui che io ripartirei ed è come quello che non c’è che io rimpiangerei quando penso che non è cosi il mondo che vorrei non si può fare quello che si vuole non si può spingere solo l’acceleratore guarda un pò ci si deve accontentare qui si può solo perdere e alla fine non si perde neanche più!
Questo ti volevo dire.
Ho rotto il nostro patto ma forse è stato meglio così.
Ora basta però, non ti voglio rattristare. Mia madre mi ha detto anche che sei bellissima e io lo sapevo. Quando eravamo piccoli ero sicuro che saresti diventata Miss Italia.
Ti bacio,
Pietro
P.S. : preparati perchè quando passo da Bologna
ti prendo e ti porto via.

(Niccolò Ammaniti)

GREATEST MOVIE MOMENTS

Lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine…
Lentamente muore chi evita una passione…
Lentamente muore chi non capovolge il tavolo…
Chi non rischia la certezza per l’incertezza…
Chi non si permette almeno una volta di fuggire ai consigli sensati…
Lentamente muore chi non trova grazia in se stesso..
Chi distrugge l’amor proprio, chi non si lascia andare…
…evitiamo la morte a piccole dosi,
ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo di gran lunga maggiore
del semplice fatto di respirare…

(Parlami d'amore)

Jack Frusciante è uscito dal gruppo

"E va bene che non bisogna dipendere da nessuno nella propria cazzo di vita, ma io mica dipendo. Io vivo anche da solo, senza dipendere da nessuno, col pilota automatico. (...). Posso sopravvivere col pilota automatico, ma vivere è un altra cosa... Da quando ci siamo addomesticati a vicenda, è logico, per restare a un certo livello non posso più fare a meno di lei;e per lei è lo stesso, anche se ho bisogno di sentirmelo dire cento volte, perchè la paura è troppa"

Pausa pranzo sul Rockfeller Center-New York,USA, 1932

RIDE DELLE CICATRICI ALTRUI CHI NON EBBE A SOFFRIR GIAMMAI FERITA.
"La vita reale è soltanto il riverbero dei sogni dei poeti.La vista di tutto ciò che è bello in arte o in natura, richiama con la rapidità del fulmine il ricordo di chi si ama"(Stendhal)
"Che cosa si dice di un uomo non è importante. Il punto che conta è chi lo dice."(Oscar Wilde)
"Pensa, parla e agisci come se tu dovessi uscire dalla vita da un momento all'altro. "(Marco Aurelio)
La cosa seccante di questo mondo è che gli imbecilli sono sicuri di sé, mentre le persone intelligenti sono piene di dubbi.
(Bertrand Russell)
E tu spiegami adesso tutto questo silenzio dove va a finire
Se non riesco a parlarti e non so più toccarti

Mi sento morire
Parlo con te

La tigre e la neve

"Se muore lei, per me tutta questa messa in scena del mondo che gira... posso anche smontare, portare via, schiodare tutto, arrotolare tutto il cielo e caricarlo su un camion col rimorchio, possiamo spengere questa luce bellissima del sole che mi piace tanto... ma tanto... lo sai perchè mi piace tanto? Perchè mi piace lei illuminata dalla luce del sole, tanto... portar via tutto questo tappeto, queste colonne, questo palazzo... la sabbia, il vento, le rane, i cocomeri maturi, la grandine, le 7 del pomeriggio, maggio, giugno, luglio, basilico, le api, il mare, le zucchine... le zucchine..."
(http://it.youtube.com/watch?v=Zex_vvPL0Vw)

L'INVIDIOSO MI LODA SENZA SAPERLO. (Kahlil Gibran)
Posso credere a tutto, purché sia sufficientemente incredibile.
(Oscar Wilde)

NOI VOGLIAMO, PER QUEL FUOCO CHE CI ARDE NEL CERVELLO, TUFFARCI NELL'ABISSO, INFERNO O CIELO NON IMPORTA. (Charles Baudelaire)
ERRARE HUMANUM EST, PERSEVERARE AUTEM DIABOLICUM
FATTI NON FOSTE A VIVER COME BRUTI, MA PER SEGUIR VIRTUTE E CANOSCENZA.
INGANNEVOLE E' IL CUORE PIU' DI OGNI COSA E INCURABILE!CHI LO PUO' CONOSCERE?
(Geremia 17,9)

SENZA MUSICA LA VITA SAREBBE UN ERRORE.
(F.Nietzsche)

L'UOMO PIU' SAGGIO NON E' COLUI CHE SA MA CHI SA DI NON SAPERE.(Socrate)
Cos'è il genio ? E' fantasia, intuizione, colpo d'occhio e velocità di esecuzione. (AMICI MIEI)
«Il sentimento più forte e più antico dell'animo umano è la paura, e la paura più grande è quella dell'ignoto.» (H.P.Lovecraft)
"E quando guardi con quegli occhi grandi forse un po' troppo sinceri, sinceri si vede quello che pensi, quello che sogni.... "
"COME FAI ADESSO CHE SEI RIMASTA SOLO TE A SPERARE IN QUALCOSA DI MIGLIORE A PENSARE ANCHE AL GRANDE AMORE ..SEI UN'INCREDIBILE ROMANTICA UN PO' NEVROTICA MA NON PATETICA CERTO UNICA "
"..Ed ora che non mi consolo guardando una fotografia mi rendo conto che il tempo vola e che la vita poi è una sola... "
"..E quando un giorno t'incontrerò magari per la strada magari proprio sotto casa tua ehh!!! ma guarda il caso però guarda il destino splendido!! crudele e splendido!!!! E intanto i giorni passano e i ricordi sbiadiscono e le abitudini cambiano eh eh eh!! E' stato splendido..... "
"...cosa non....farei... io non voglio correre e tu!...non riderai... cosa non...darei... per vivere una favola..."
"..VOGLIO UNA VITA MALEDUCATA DI QUELLE VITE FATTE FATTE COSI' VOGLIO UNA VITA CHE SE NE FREGA CHE SE NE FREGA DI TUTTO SI' VOGLIO UNA VITA CHE NON E' MAI TARDI DI QUELLE CHE NON DORMI MAI VOGLIO UNA VITA VEDRAI CHE VITA VEDRAI .."
..Le stelle stanno in cielo e i Sogni....non lo so So solo che son pochi.... quelli che s'avverano..
"..dietro non si torna non si può tornare giù Quando ormai si vola non si può cadere più.... Qui è logico cambiare mille volte idea ed è facile sentirsi da buttare via!! "
"..e tu Parli....parli... parli di" cose che passano....." e poi sogni......sogni sogni che poi svaniscono Stai con me... ci stai o no ci stai un attimo......un giorno ci stai per essere ancora mia.... oppure ci stai per non andare via!! "
"..il "ritmo" del mondo batte dentro di te mentre cerchi qualcosa.... che forse non c'è!.."
"..Ti sei accorta che facciamo l'amore...sì ti sei accorta sì e non mi dire che non lo volevi e che non lo sapevi che finiva così va bene va bene va bene distratta quando ti conviene diresti anche che mi vuoi bene anche se non me ne vuoi più.."
"..E ho guardato dentro un'emozione e ci ho visto dentro tanto amore che ho capito perché non si comanda al cuore. E va bene così... senza parole... senza parole... "
"Per il mio limite Io non so stare solo Vivere insieme a me Basta aspettarmi uscire... E prendermi con sé Credi che sia facile Credi che sia semplice Vai a farti fottere Credi che sia Una storia semplice .."
"..Voglio trovare un senso a questa vita Anche se questa vita un senso non ce l’ha.. "
"..No! Quest'è un Amore Grande si vuoi che ti dica così ma io non sono come te Ciao! sai cosa ti dico.....CIAO! posso stare....senza Te... senza più tanti "se".... senza tanti "ma", "perché"! senza un "amore" ...così...... io posso stare.....Sì!.... "
"..Voglio vivere come se come se tutto il mondo...fosse... fosse FUORI..e Voglio ridere come se come se ridere di per sé bastasse già; a risolvere...gli ERRORI.. "
"..sorridi e abbassi gli occhi un istante e dici "non credo di essere così importante" ma dici una bugia e infatti scappi via.."

JENNY E' PAZZA

Jenny non vuol più parlare non vuol più giocare vorrebbe soltanto dormire Jenny non vuol più capire sbadiglia soltanto non vuol più nemmeno mangiare Jenny è stanca Jenny vuole dormire Jenny è stanca Jenny vuole dormire Jenny ha lasciato la gente a guardarsi stupita a cercar di capir cosa Jenny non sente più niente non sente le voci che il vento le porta Jenny è stanca Jenny vuole dormire Jenny è stanca Jenny vuole dormire Io che l'ho vista piangere di gioia e ridere che più di lei la vita credo mai nessuno amò io non vi credo lasciatela stare voi non potete Jenny non può più restare portatela via rovina il morale alla gente Jenny sta bene è lontano...la curano forse potrà anche guarire un giorno Jenny è pazza c'è chi dice anche questo Jenny è pazza c'è chi dice anche questo Jenny ha pagato per tutti ha pagato per noi che restiamo a guardarla ora Jenny è soltanto un ricordo qualcosa di amaro da spingere giù in fondo Jenny è stanca Jenny vuole dormire Jenny è stanca Jenny vuole dormire Jenny è stanca Jenny vuole dormire

OGNI VOLTA

E ogni volta che viene giorno ogni volta che ritorno ogni volta che cammino e mi sembra di averti vicino ogni volta che mi guardo intorno ogni volta che non me ne accorgo ogni volta che viene giorno. E ogni volta che mi sveglio ogni volta che mi sbaglio ogni volta che sono sicuro e ogni volta che mi sembra solo ogni volta che mi viene in mente qualche cosa che non c'entra niente ogni volta...E ogni volta che non sono coerente e ogni volta che non è importante ogni volta che qualcuno si preoccupa per me ogni volta che non c'è proprio quanto la stavo cercando ogni volta... ogni volta quando.... E ogni volta torna sera e la paura e ogni volta torna sera e la paura....E ogni volta che non c'entro ogni volta che non sono stato ogni volta che non guardo in faccia a niente e ogni volta che dopo piango ogni volta che rimango con la testa tra le mani e rimando tutto a domani.

LA RAGAZZA INTERROTTA - Susanna Kaysen

"Non uno, ma tre, sono i Vermeer al Frick. La prima volta che ci sono stata, però, non ho fatto caso agli altri due.[…] Non mi fermai davanti alla signora in veste da camera gialla e alla domestica che le porta una lettera e neppure davanti al soldato con il cappello sfarzoso e alla ragazza che gli sorride: immaginavo calde labbra, occhi castani, occhi azzurri. Quegli occhi castani mi catturarono.Lo sguardo della ragazza punta fuori dal riquadro del dipinto, ignorando il robusto maestro di musica, che poggia la dispotica mano sulla sedia. La luce è smorzata, luce invernale, ma il volto della ragazza è acceso.La fissai negli occhi castani e indietreggiai. Mi stava mettendo in guardia da qualcosa: aveva distolto lo sguardo dalla sua occupazione per mettermi in guardia. La bocca era appena aperta, come se avesse appena respirato solo per dirmi: «Non farlo!»Mi ritrassi, nel tentativo di tenermi fuori dal raggio della sua premura, che tuttavia riempiva il corridoio. «Aspetta», diceva. «Aspetta! Non andare!»Sedici anni dopo ero a New York col mio nuovo, ricco fidanzato.[…][…] «Andiamo al Frick», disse lui.«Non ci sono mai stata», feci io. Poi pensai che forse c'ero stata. Non dissi niente, avevo imparato a non parlare dei miei dubbi.Arrivai lì, lo riconobbi. «Ah», dissi. «Qui c'è un quadro che mi piace.»«Solo uno?» disse lui. «Guarda questi Fragonard.» Non mi piacevano. Mi lasciai i Fragonard alle spalle ed entrai nella sala che porta al cortile.Lei era cambiata molto in sedici anni. Non era più premurosa. Anzi, era triste. Era giovane e distratta, e il suo maestro la incalzava perché gli prestasse attenzione. Ma lei guardava lontano, alla ricerca di uno sguardo che incontrasse il suo.Stavolta lessi il titolo del quadro: Ragazza interrotta mentre suona.Interrotta mentre suona: com'era stata la mia vita, interrotta nella musica dei miei diciassette anni, com'era stata la sua vita, strappata e fissata su tela: un momento reso immobile, per tutti gli altri momenti, qualsiasi cosa fossero o avrebbero potuto essere. Quale vita può guarirne?Adesso avevo qualcosa da dirle. «Ti vedo», dissi.Il mio fidanzato mi trovò che piangevo nel corridoio.«Cos'è successo?» domandò.«Ma non vedi, lei sta cercando di venirne fuori», dissi, indicandola.

Il tempo perso

Sulla porta dell'officina
d'improvviso si ferma l'operaio
la bella giornata l'ha tirato per la giacca
e non appena volta lo sguardo
per osservare il sole
tutto rosso tutto tondo
sorridente nel suo cielo di piombo
fa l'occhiolino familiarmente
Dimmi dunque compagno Sole
davvero non ti sembra che sia un pò da coglione
regalare una giornata come questa ad un padrone?
Jacques Prevert